Mirandola, famiglie paese terremotato costrette ad ospitare profughi – VIDEO



Forza Nuova appoggia l'appello del comitato dei cittadini di Mirandola che ci ha chiesto aiuto per la signora del video e le sue preoccupazioni riguardanti l'imminente arrivo dei "profughi".Questa mattina abbiamo incontrato la signora Franca Masi e gli altri condomini della palazzina di Via Leopardi 3 a Mirandola (MO), che ospiterà a breve un gruppo di sedicenti “richiedenti asilo”. Il proprietario di un appartamento sfitto, che ovviamente risiede da tutt’altra parte, ha infatti pensato bene di cedere in locazione l’abitazione alla famigerata cooperativa Caleidos, che ha in appalto gran parte del “business dell’accoglienza” qui a Modena e provincia. La prospettiva di una rendita sicura ha evidentemente eliminato sul nascere qualsiasi valutazione di carattere morale e sociale… Il problema sarà infatti tutto dei pochi residenti rimasti nella palazzina, fra cui appunto la signora Franca che in questo video esprime chiaramente tutto il suo stato d’animo, lo sconforto ma anche la rabbia per avere appreso la notizia per puro caso.Mirandola, come tutta la bassa modenese, è ancora alle prese con la ricostruzione post-sisma del 2012 e finora era stata esentata dall’onere di accogliere i sedicenti “profughi”, ma già da febbraio la prefettura aveva comunicato che, vista l’emergenza, anche in queste zone sarebbero stati collocati i “migranti”. Eppure sono ancora diverse centinaia le persone fuori casa dal terremoto, e la ricostruzione è ben lungi dall’essere completata, come si vede tra l’altro dalla foto (nel commento in allegato) della palazzina di via Leopardi: il grande condominio a fianco è ancora transennato e inagibile, in attesa dei lavori di recupero e ristrutturazione… Troviamo poi particolarmente odiosa e socialmente pericolosa la nuova modalità adottata da prefettura e coop Caleidos di affittare appartamenti e case direttamente a privati: i soldi fanno gola a tutti e come spiegavamo prima non sarà difficile individuare persone con pochi scrupoli disposte ad affittare, ma chi ne farà le spese saranno sempre i residenti in zona e i condomini, spesso anziani o famiglie con figli piccoli con poche alternative e disponibilità economiche limitate. Come cittadini mirandolesi ci opporremo con tutti i mezzi, beninteso pacifici e legali, a questo vero atto di prepotenza verso concittadini inermi.Ufficio StampaForza Nuova ModenaModena@forzanuova.info

Posted by Forza Nuova Modena II on Sunday, July 16, 2017

Il PD, che qualcuno ormai definisce apertamente un’associazione criminale, in combutta con la coop di partito, sta scaricando sulla vita quotidiana di famiglie e anziani l’integrazione forzata dei coloni africani. Presto ve li piazzeranno direttamente in casa. Nei vostri letti. Nei letti delle vostre figlie e delle vostre mogli: per ‘integrarli’, ovviamente.

Il fenomeno è ancora più odioso perché colpisce chi non può cambiare quartiere e trasferirsi nelle zone abitate dai capibastone del PD.



Lascia un commento