Sardegna discarica Uranio della Nato



VERIFICA LA NOTIZIA
Una lunga serie di carichi di bombe da smaltire dirette in Sardegna, il primo nel 1986 – oltre 89 tonnellate di ordigni, 1.141 colli e 15 carri con esplosivi provenienti dalla Sicilia – e l’ultimo nel 2008. La denuncia arriva dal deputato di Unidos, Mauro Pili, che durante una diretta Facebook ha divulgato documenti sull’uso dei poligoni nell’Isola. “I carichi erano destinati dagli Stati maggiori dell’Esercito e dell’Aeronautica – spiega – materiale pericolosissimo come lo definiscono i report riservati della Difesa”. Cioè, denuncia il parlamentare sardo, “documenti che dovevano scomparire tra i segreti di Stato e che, invece, ora emergono dal lavoro in commissione d’inchiesta”. Nel corso della diretta Pili ha mostrato e pubblicato i documenti dai quali si evincono “tutti i dettagli relativi al primo grande carico che dalla Sicilia è stato trasportato in Sardegna”.


Lascia un commento