Profugo: “Ne ho sgozzati tanti, in Italia non rispettate Islam e farò una strage”



Totale avversione per i costumi occidentali. In più anche le critiche alle operazioni militari contro l’Isis vantandosi anche di aver sgozzato diversi uomini in passato in Algeria.

È stato espulso un 48enne richiedente asilo algerino per “motivi di pericolosità sociale”. Era entrato clandestinamente nel nostro Paese un anno fa per poi chiedere asilo politico. L’uomo da tempo era monitorato dalle forze dell’ordine per alcune idee espresse nel centro di accoglienza di Licodia Eubea, in provincia di Catania. Più di una volta il 48enne aveva avuto atteggiamenti aggressivi nei confronti delle operatrici del centro che a suo dire non operavano seguendo le regole dell’islam.

Italia, 191 terroristi islamici espulsi: con Ius Soli sarebbero ancora qui

VERIFICA LA NOTIZIA
Lo scorso 9 marzo l’algerino è stato trasferito nel Centro di permanenza per rimpatri di Caltanissetta. E in questa circostanza, durante il suo trasferimento verso la struttura ha minacciato di compiere stragi nel nostro Paese in nome del Califfato. Inoltre, a seguito di approfondimenti dei servizi di intelligence è emerso che risultava titolare di un profilo social sul quale erano stati rinvenuti contenuti pro-Isis e di tenore anti-sciita. Oggi l’uomo è stato espulso e mandato nel suo Paese con un volo da Fiumicino.

Ma il problema sono quelli che sbarcano e non si vantano di essere terroristi islamici.

Ps. Nella foto in alto esempio di profugo terrorista


Lascia un commento