Arcivescovo Strasburgo evoca Eurabia: “Islamici me lo dicono sempre, tutto questo sarà nostro”



L’arcivescovo di Strasburgo ha deciso di sfidare la dittatura del politicamente corretto e il suo boss, Bergoglio.

Parlando dell’aborto che, ha specificato, “non è solo concesso ma addirittura promosso”, monsignor Luc Ravel lo ha voluto mettere sullo sfondo dell’immigrazione islamica parlando di “Grande Sostituzione”.

“Si tratta di una promozione che non posso accettare, non per una questione di fede, ma perché amo la Francia”, ha spiegata l’arcivescovo, chiamando in causa la “Grande Sostituzione”, famosa frase coniata dallo scrittore Renaud Camus.

VERIFICA LA NOTIZIA
“I fedeli musulmani sono ben consapevoli del fatto che la loro fertilità è tale che oggi è in atto la Grande Sostituzione. Loro, i musulmani, ve lo diranno con molta semplicità: ‘in ogni caso, un giorno tutto questo, sarà nostro’ …”.

Un giorno, se non li fermiamo, tutto questo sarà loro. Noi saremo loro.



Lascia un commento