LE MANI DEI GESUITI SULLA CHIESA: BERGOGLIO



Prosegue la pulizia ‘etnica’ nella Chiesa, Bergoglio sta piazzando tutti i suoi uomini nei gangli vitali in quella che è una trasformazione del Cristianesimo in ‘Bergoglianesimo’.

Ha infatti nominato lo spagnolo monsignor Luis Francisco Ladaria Ferrer, gesuita, nuovo prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede (l’ex Sant’uffizio). Mons. Ladaria Ferrer, finora segretario della Congregazione, succede al cardinale tedesco Gerhard Ludwig Mueller, il cui mandato quinquennale, che scade domenica, non è stato rinnovato. Mueller, conservatore, si era più volte dissociato dalla linea decadente di Bergoglio.

Il mancato rinnovo di un Prefetto dell’ex Sant’Uffizio, congregazione un tempo chiamata “La Supremaˮ non ha precedenti recenti. Ma è anche vero che non ha precedenti il modo con cui il Prefetto uscente ha interpretato il suo ruolo. Del suo predecessore, l’americano William Joseph Levada, quasi non si ricordano interviste durante il suo mandato, durato sette anni e conclusosi per raggiunti limiti d’età. E del predecessore di Levada, l’allora cardinale Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione dottrinale ininterrottamente dal 1981 al 2005, si ricordano certo rare ma importanti interviste, nessuna delle quali però lo aveva messo in contrapposizione con il Pontefice, Giovanni Paolo II, nonostante sia ormai noto che su alcune questioni – ad esempio l’incontro interreligioso di Assisi o la purificazione della memoria durante il Giubileo del 2000 – il cardinale bavarese avesse posizioni non sempre coincidenti con quelli di Wojtyla.

Da quanto si apprende, Müller avrebbe rifiutato l’offerta di un altro incarico, preferendo ritirarsi. Con la scelta di Ladaria – nominato come numero due della “Supremaˮ da Papa Ratzinger – come successore del Prefetto uscente, è evidente che Francesco non intende imprimere svolte alla Congregazione per la dottrina della fede. Come accadde nel caso di un altro dicastero, quello della liturgia, dove al conservatore spagnolo Antonio Cañizares Llovera Papa Bergoglio fece succedere il conservatore africano Robert Sarah.



Lascia un commento