MANCA ACQUA, PROFUGHI DEVASTANO STRUTTURA: TAVOLI LANCIATI DA FINESTRE



La mancanza di acqua ha dato il via alla sommossa avvenuta oggi pomeriggio in un centro di accoglienza per presunti minori non accompagnati a Giarre. Attorno alle 17 sono stati vissuti momenti di violenza all’interno della struttura. Un gruppo di cosiddetti profughi in segno di protesta per l’interruzione dell’acqua potabile nelle due palazzine, si è scatenato lanciando nel cortile interno sedie, tavoli e fornetti a microonde seminando devastazione, e panico tra gli operatori.

VERIFICA LA NOTIZIA
I responsabili che gestiscono il centro di accoglienza giarrese temendo per la propria incolumità, si sono barricati in un locale, riuscendo poi ad allertare il 112 dei carabinieri usando i telefoni cellulari. I militari dell’Arma prontamente intervenuti con diverse pattuglie, sono riusciti a salvarli dalla furia dei migranti in una situazione che ha rischiato di portare danni non solo alla struttura, ma anche alle persone.



Lascia un commento