Medici Senza Frontiere: “Migranti hanno diritto di sbarcare”



E poi interviene una delle famigerate Ong, sotto inchiesta per associazione a delinquere: “Le persone salvate in mare dovrebbero essere trasferite nel più vicino porto di sbarco in cui le loro necessità e vulnerabilità possano trovare una risposta rapida”. Medici Senza Frontiere commenta così l’ipotesi di chiudere i porti italiani alle navi straniere che traghettano clandestini, paventata dal governo italiano e respinta dalla Ue.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ong sotto inchiesta ricorda che, da tempo, chiede maggiore sostegno dall’Ue per le operazioni di colonizzazione, alle quali “dovrebbero partecipare tutti gli Stati”. Perché il loro obiettivo – di chi li finanzia – è africanizzare e islamizzare tutta Europa. L’Italia è solo la porta di ingresso di questo enorme piano criminale.

E poi, quali sono i porti più vicini?

ECCOLE, LE NAVI DELLE ONG A CACCIA – CLICCA

Sicuramente non quelli italiani. La Libia sarebbe ottima, poi da lì in Nigeria e Senegal, dove non ci sono guerre. Dopo i primi rimpatri smetterebbero di pagare migliaia di euro per venire a spacciare droga in Italia. Ma più vicina dell’Italia c’è Malta, la Tunisia…



Lascia un commento