PD e FI votano insieme per aprire frontiere a grano tossico



”Scandalo al Senato: in commissione esteri inciucio tra Pd e Fi sulla pelle dei nostri agricoltori e sulla salute di tutti gli italiani” ha dichiarato il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando il parere favorevole della commissione esteri del Senato all’accordo Ceta. ”L’ok all’accordo sul libero scambio tra Italia e Canada, come denuncia anche Coldiretti, permetterà la vendita in Italia di migliaia di tonnellate di grano tossico – dice Salvini – in arrivo dal Canada contenente tossine e coltivato con diserbanti da tempo vietati in Italia. Proprio questa settimana al porto di Bari i carabinieri hanno sequestrato ben 50 mila tonnellate di grano tossico arrivato dal Canada e pronto per essere utilizzato. Se a questo aggiungiamo la sanatoria per tutti i falso made in Italy oggi venduti in Canada, la beffa è completa. Chiediamo a Renzi e Berlusconi di spiegare agli italiani il perché di questo voto”.

VERIFICA LA NOTIZIA
”La scelta della maggioranza di proseguire l’iter di ratifica dell’accordo Ceta è gravissima, il voto favorevole di Forza Italia in commissione è scandaloso. Hanno deciso di ignorare produttori, associazioni, sindacati per fare gli interessi dei grandi gruppi di potere a scapito dei produttori di qualità che sono la spina dorsale del paese” ha aggiunto Paolo Tosato, senatore leghista che oggi ha partecipato ai lavori in commissione affari esteri dove si votava la ratifica del CETA.

“Questo è un accordo truffa che avvantaggia le multinazionali mettendo a rischio 40 mila posti di lavoro e la nostra salute visto che spalanca le porte a prodotti contraffatti di bassissima qualità. Ad avvalorare il fatto che questo accordo sia una fregatura e deleterio per la nostra economia la presenza in commissione di Mario Monti che non c’è mai ma si palesa solo quando c’è da favorire gli interessi della grande finanza. La nostra battaglia prosegue e la maggioranza si prepari per l’aula perché da parte nostra non ci saranno sconti”, conclude.



Lascia un commento