Terrorismo, Immigrati islamici pronti a colpire bagnanti sulle spiagge

Secondo quanto riporta il quotidiano online El Confidencial, gli immigrati islamici di ISIS hanno messo nel mirino le spiagge europee: vogliono una strage di turisti che metta in ginocchio il turismo. Come quella che fecero in Tunisia.

Per questo il governo spagnolo avrebbe ha rafforzato le misure di polizia in tutte le località balneari. La Spagna, con il suo turismo low-cost ospita milioni di britannici.

A differenza delle grandi città, le località turistiche presentano difficoltà di manovra e soprattutto un numero di poliziotti notevolmente inferiore. Per questo motivo, il governo avrebbe deciso di inviare le forze speciali e le unità d’intervento rapido, capaci di spostarsi rapidamente in un raggio di svariati chilometri.

La minaccia jihadista in Spagna è un fenomeno studiato da tempo dall’intelligence di Madrid. Gli arresti per attività vicine al terrorismo islamico, dal proselitismo al crimine, sono in aumento, a dimostrazione di un radicamento che fino a pochi anni fa si credeva difficile da realizzare. Non sono solo le enclave marocchine di Ceuta e Melilla a destare preoccupazione, ma anche la crescita di radicalizzazione all’interno delle grandi città, in particolare Barcellona. Soltanto nel 2015, uno studio condotto sui centri islamici e le moschee in territorio spagnolo, aveva dimostrato che almeno il 30% condivideva idee vicine al terrorismo di stampo salafita. La corrente più estremista dell’Islam.

http://www.occhidellaguerra.it/spagna-antisommossa-nelle-spiagge-contro-il-terrorismo/

VERIFICA LA NOTIZIA
Ma è soprattutto nelle case che si annida la minaccia più grave: in quella self-jihad che per le intelligence mondiali rappresenta la minaccia più temibile ed anche quella più complicata da gestire. Proprio dalla self-jihad, dal fenomeno dei cosiddetti “lupi solitari” si origina il pericolo di attentati in luoghi magari meno noti, ma comunque potenzialmente devastanti. Le spiagge piene di bagnanti rappresentano, in questo senso, obiettivi più facili da colpire per il terrorismo contemporaneo, legato all’azione del singolo, e molto più difficili da prevenire e neutralizzare per le forze dell’ordine.



Lascia un commento