Investe immigrato che la insegue armato di coltello: indagata per omicidio…



Ennesima vergogna della (in)giustizia italiana. La 44enne Donatella Chiari risulta indagata per omicidio colposo a seguito della morte dell’immigrato 43enne Agron Bashmeta, l’albanese che la perseguitava e che la stava inseguendo armato di coltello: lei ha cercato di scappare, è salita a bordo della sua auto mentre lui si sarebbe attaccato a uno specchietto retrovisore. Poi travolto e ucciso, ma involontariamente secondo gli inquirenti che di fatto avevano già chiuso le indagini.

E poi: se qualcuno mi insegue con un coltello e si attacca all’auto, perché se io lo uccido anche volontariamente dovrei essere perseguito? Perché il PD ha fretta di approvare lo Ius Soli, non la Legittima Difesa.

VERIFICA LA NOTIZIA
La donna invece adesso è indagata per omicidio colposo. Gli è stato stato sequestrato anche il telefono cellulare, per cercare di ricostruire con chiarezza il rapporto con il suo assalitore.

Secondo i parenti dell’aggressore tra i due ci sarebbe stata molto di più di una semplice amicizia, come invece sostiene la donna, una relazione dicono loro, in cui Agron Bashmeta “avrebbe investito tempo e denaro”. E quindi?



Lascia un commento