Sharia in Italia: Ordine giornalisti sospende Facci per articolo blasfemo su Islam

Il Consiglio di disciplina dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia mi ha sospeso per due mesi dalla professione e dallo stipendio. La sentenza è appellabile, ma due mesi sono tanti. Il motivo è un articolo che pubblicai su Libero il 28 luglio 2016 e titolato «Perché l’Islam mi sta sul gozzo». Ve lo ripropongo, perché ne vado fiero.

Libero, 28 luglio 2016

VERIFICA LA NOTIZIA

Odio l’Islam. Ne ho abbastanza di leggere articoli scritti da entomologi che osservano gli insetti umani agitarsi laggiù, dietro le lenti del microscopio: laddove brulica una vita che però gli entomologi non vivono, così come non la vivono tanti giornalisti e politici che la osservano e la giudicano dai loro laboratori separati, asettici, fuori dai quali annasperebbero e perirebbero come in un’acqua che non è la loro.
E’ dal 2001 che leggo analisi basate su altre analisi, sommate ad altre analisi fratto altre analisi, commenti su altri commenti, tanti ne ho scritti senza alzare il culo dalla sedia: con lo stesso rapporto che ha il critico cinematografico coi film dell’esistente, vite degli altri che si limita a guardare e a sezionare da non-attore, da non-protagonista, da non vivente. Ma non ci sono più le parole, scrisse Giuliano Ferrara una quindicina d’anni fa: eppure, da allora, abbiamo fatto solo quelle, anzi, abbiamo anche preso a vendere emozioni anziché notizie. Eccone il risultato, ecco alfine le emozioni, le parole: che io odio l’Islam, tutti gli islam, gli islamici e la loro religione più schifosa addirittura di tutte le altre, odio il loro odio che è proibito odiare, le loro moschee squallide, la cultura aniconica e la puzza di piedi, i tappeti pulciosi e l’oro tarocco, il muezzin, i loro veli, i culi sul mio marciapiede, il loro cibo da schifo, i digiuni, il maiale, l’ipocrisia sull’alcol, le vergini, la loro permalosità sconosciuta alla nostra cultura, le teocrazie, il taglione, le loro povere donne, quel manualetto militare che è il Corano, anzi, quella merda di libro con le sue sireh e le sue sure, e le fatwe, queste parole orrende che ci hanno costretto a imparare.
Odio l’Islam perché l’odio è democratico esattamente come l’amare, odio dover precisare che l’anti-islamismo è legittimo mentre l’islamofobia no, perché è solo paura: e io non ne ho, di paura. Io non odio il diverso: odio l’Islam, perché la mia (la nostra) storia è giudaica, cattolica, laica, greco-latina, rousseiana, quello che volete: ma la storia di un’opposizione lenta e progressiva e instancabile a tutto ciò che gli islamici dicono e fanno, gente che non voglio a casa mia, perché non ci voglio parlare, non ne voglio sapere: e un calcio ben assestato contro quel culo che occupa impunemente il mio marciapiede è il mio miglior editoriale. Odio l’Islam, ma gli islamici non sono un mio problema: qui, in Italia, in Occidente, sono io a essere il loro.


SIAMO COME A ISLAMABAD, IL REATO DI ‘BLASFEMIA’ CONTRO L’ISLAM APPLICATO IN ITALIA – I terroristi islamici di Parigi hanno fatto strage nella sede di Charlie Hebdo. I terroristi politici e censori dell’Odg si limitano a fare strage di libertà sospendendo la libertà di espressione dei giornalisti veri, quelli che descrivono la realtà invece di inventarsela a pagamento come la stragrande maggioranza dei membri dell’ordine stesso.

Arrivano le prime reazioni politiche:

W Filippo Facci, w Oriana Fallaci

Posted by francesco storace on Saturday, June 17, 2017



Lascia un commento