Vicenza, militare Usa devasta mostra e poi ci caga sopra



VERIFICA LA NOTIZIA

“Il Comune di Vicenza chiede ufficialmente le scuse del consolato americano di Milano e dei vertici militari della base Usa ospitata in città nonché una punizione esemplare per il militare che ha compiuto questo vergognoso gesto”. Lo chiede il vice sindaco di Vicenza Jacopo Bulgarini d’Elci dopo che un militare Usa ha distrutto una serie di modellini navali relativi alla storia militare italiana in una mostra realizzata in occasione della festa dei Marinai d’Italia. Non solo, il militare, ubriaco, avrebbe fatto i propri bisogni corporali nel luogo della mostra ovvero la Loggia del Capitaniato che è uno dei simboli della città del Palladio. “La comunità americana deve scusarsi, subito e con molta nettezza, rileva Bulgarini d’Elci, per l’inqualificabile comportamento di quel suo soldato che ha distrutto i modelli navali della mostra allestita dall’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, che avevo io stesso inaugurato”.

Quisquilie. La vera domanda è: cosa ci fanno, in Italia, sessanta anni alla fine della guerra, basi militari americane? Se ci sono, è ovvio che si comportino da padroni.

Vicenza: militari americani stuprano ragazza incinta



Lascia un commento