La madre del terrorista meticcio: “Ora mio figlio è in paradiso” – VIDEO

La madre del meticcio Youssef Zaghba, uno dei tre terroristi entrati in azione negli ultimi attacchi islamici a Londra, è tornata a parlare ieri sera su La7, ormai è una dive. E ha difeso l’islam, che come sostiene la ha dato la “pace”. Anche a Londra e Manchester ha portato pace: eterna.

Accusa invece internet, colpevole di aver mostrato a suo figlio quei video che poi lo hanno radicalizzato. E’ colpa dei video. Vedrete, useranno la follia islamica per censurare internet a noi persone normali.

“Mio figlio è rimasto affascinato dall’idea di instaurare uno Stato Islamico” ammette davanti alla telecamere. Poi ripercorre il viaggio del figlio verso Turchia: “Lo hanno fermato a Bologna mentre si stava imbarcando per Instambul. Era sospetto: un solo biglietto d’andata. Ed è stato fermato”. Era il marzo del 2013. “Mi ha sempre detto che voleva andare in Siria, per aver una famiglia”. Ma precisa: “Mai avrei pensato che sarebbe andato a morire. Era dolce, sensibile e non violento”. E’ questo il punto: ogni immigrato islamico è un potenziale terrorista, non hanno scritto in fronte: terrorista.

Quando alla donna viene chiesto dove pensa sia suo figlio: “Spero sia nel paradiso come lui sperava. Allah guarda le intenzioni, se Allah guarda solo le intenzioni è in paradiso”.

VERIFICA LA NOTIZIA



Lascia un commento