NAVE SPAGNOLA SCARICA A CAGLIARI 650 CLANDESTINI, MOLTI INFETTI



La nave spagnola Canarias, con a bordo 650 clandestini, è approdata questa mattina al porto canale di Cagliari. L’arrivo è previsto intorno alle 8. Molti gli infetti a bordo.
La Prefettura del capoluogo sardo è già al lavoro per predisporre l’accoglienza, cercando di individuare le strutture ricettive per ospitare i fancazzisti. Lavoro impegnativo visto che già nel precedente sbarco le quote erano state raggiunte.

I clandestini fanno parte dei 5.000 coloni prelevati in Libia negli ultimi due giorni durante decine di operazioni. Alle operazioni accanto alla nave spagnola Canaries, inserita nel dispositivo Eunavfor Med, hanno preso parte anche le navi Diciotti e Peluso della Guardia costiera e la Iuventa della Ong Jugend Rettet.

VERIFICA LA NOTIZIA
Protesta Daniele Caruso, Segretario Regionale del Movimento Sociale Sardo – Destra Regionale: “Dopo le ridicole letterine inviate da Zedda e Pigliaru al Governo, con innumerevoli capriole per dichiararsi pronti all’accoglienza, pur lamentando le difficoltà di gestione degli immigrati, la risposta del Governo è stata inequivocabile. L’invio di nuovi 650 immigrati clandestini in Sardegna nelle prossime ore significa credibilità dei nostri rappresentanti politici presso il Governo uguale a zero.
Negli ultimi tre giorni i casi di aggressione di cittadini ad opera di immigrati clandestini sono stati numerosi.
Le iniziative politiche che potrebbero contrastare questo crescente pericolo non sono certamente delle letterine, che i rappresentanti del Governo mai prenderanno in considerazione.
Servono iniziative politiche forti e inequivocabili da parte della Giunta Regionale e della Giunta Comunale di Cagliari affinché il Governo capisca una volta per tutte che, in Sardegna, la misura è colma.
Si faccia qualcosa per avere maggiore presenza delle forze dell’ordine e per garantire la sicurezza dei cittadini, immediatamente. Se c’è bisogno, si schieri l’esercito per le strade dei Comuni sardi maggiormente in difficoltà nella gestione degli immigrati clandestini.
Cessino gli invii di immigrati da parte del Governo e il Governo stesso si impegni per la sorveglianza e la difesa delle coste della Sardegna dalle incursioni nordafricane.
Questo chiederebbero i nostri rappresentanti politici, se veramente avessero la volontà di porre fine ai problemi legati all’eccessiva presenza di clandestini in Sardegna e se godessero di credibilità presso il Governo. Le letterine le lascino fare ai bambini per Babbo Natale. Qua si tratta di difendere i sardi e la Sardegna dall’invasione
“.



Lascia un commento