Profughi armati di smartphone protestano: “Paghetta in ritardo” – VIDEO



GUARDATE COME SONO SCIUPATI, QUESTI DISPERATI IN FUGA DA GUERRE CHE NON ESISTONO – Scoppia la protesta dei fancazzisti ospiti del centro di via Emilia a Stradella. Verso le 15, una settantina di loro si è ammassata di fronte al municipio per protestare contro le condizioni di vita all’interno della struttura. I sedicenti profughi hanno lamentato la scarsità della razioni e la pessima qualità del cibo oltre al ritardo nell’erogazione del “pocket money”, ovvero la paghetta quotidiana per gli stravizi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lascia un commento