VERONA, PROFUGO SVALIGIA 2 CASE E PICCHIA AGENTI



Masaneh Kanteh, richiedente asilo di 27 anni della Guinea, è stato arrestato con le accuse di furto e tentato furto aggravato oltre che di resistenza a pubblico ufficiale. Il fancazzista era arrivato da poco in Italia dal Gambia ed era ospitato presso il centro d’accoglienza di Costagrande alle porte di Verona. Kanteh è stato sorpreso domenica all’alba mentre svaligiava con l’utilizzo di un cacciavite due abitazioni di Avesa. Bloccato dai carabinieri, il richiedente asilo, ubriaco, ha tentato di resistere all’arresto minacciando gli agenti con una bottiglia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Il profugo è stato così arrestato e trasferito al carcere di Montorio dove attenderà il processo che si svolgerà a luglio. Il giudice ha motivato gli arresti con queste parole: «l’imputato, da poco entrato nel territorio dello Stato, si è subito predisposto a gravi condotte predatorie aggredendo le forze dell’ordine del Paese che lo ospita e lo mantiene in un centro di accoglienza». La presidente della cooperativa Tinlé che gestisce l’hub di Costagrande si dice scandalizzata dall’episodio e conferma che a Kanteh sarà revocata l’accoglienza e che al centro sarà appesa la notizia del suo arresto in bacheca per far conoscere ai richiedenti asilo le conseguenze del mancato rispetto delle regole. Mandarli a casa no? Che ci fa, in hotel un fancazzista della Guinea che, a occhio, non confina con la Siria?



Lascia un commento