SCANDALO ONG, IL PD IMBAVAGLIA ZUCCARO: IL GRANDE INSABBIAMENTO

“Non vi sono indagini in corso a carico di Organizzazioni non governative in quanto tali ma solo un’inchiesta della procura di Trapani che concerne, tra gli altri, singole persone impegnate nelle operazioni”, con questa bizzarra frase si chiude il documento conclusivo della commissione Difesa del Senato, impegnata in una indagine conoscitiva sugli sbarchi.

Dopo avere sentito procuratori e militari, delle cui testimonianze rimangono filmati che accusano in modo chiaro le Organizzazioni non governative, questo è un tentativo di insabbiare le inchieste sulle Ong, che del resto hanno gli stessi referenti dei politici che siedono in quella commissione, e che hanno ascoltato le accuse lanciate dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro sui legami tra le Ong e i trafficanti di esseri umani con un chiaro disegno di “destabilizzare economicamente” l’Italia. Legami che, come ha confermato anche Frontex, hanno portato a un incremento degli sbarchi.

SCANDALO ONG, ZUCCARO RILANCIA: “PROVE INFILTRAZIONI MAFIA IN ACCOGLIENZA” – VIDEO DIRETTA

Per le Ong “integrate” nel sistema di soccorso in mare agli immigrati, che prendono d’assalto le nostre coste, la commissione Difesa del Senato chiede che vengano elaborate “forme di accreditamento e certificazione che escludano alla radice ogni sospetto di scarsa trasparenza organizzativa e operativa”. In particolare, si legge nella relazione pubblicata oggi, “si dovranno adottare disposizioni che obblighino le Ong interessate a rendere pubbliche nel dettaglio le proprie fonti di finanziamento, cosa che alcune di loro già fanno, oltre che i profili e gli interessi dei propri dirigenti e degli equipaggi delle navi utilizzate, spesso a noleggio – continua la commissione di Palazzo Madama – anche altri indicatori sono da tenere in debita considerazione, quale la collaborazione con le autorità italiane”.

VERIFICA LA NOTIZIA
Nel documento la commissione di Difesa chiede poi che l’intervento di polizia giudiziaria sia “contestuale” al salvataggio. “Al fine di non disperdere preziosi dati – sottolinea la Commissione presieduta dal piddì Nicola Latorre – ed elementi di prova utili per perseguire i trafficanti di esseri umani, sarebbe opportuno adeguare l’ordinamento italiano o comunque prevedere modalità operative tali da consentire l’intervento tempestivo della polizia giudiziaria contestualmente al salvataggio da parte delle Ong. Parallelamente – continua – occorrerebbe potenziare la forza e gli strumenti investigativi, favorendo ad esempio l’intercettazione dei telefoni satellitari”.

ONG, ZUCCARO AI POLITICI: “PERCHE’ NON MI FATE USARE INTERCETTAZIONI?” – DIRETTA AUDIO

“In nessun modo può ritenersi consentita dal diritto interno e internazionale, né peraltro desiderabile, la creazione di corridoi umanitari da parte di soggetti privati, trattandosi di un compito che compete esclusivamente agli Stati e alle organizzazioni internazionali e sovranazionali”. Secondo la commissione Difesa, invece, “i privati, se opportunamente inseriti in un contesto saldamente coordinato dalle autorità pubbliche (nel caso, dalla Guardia costiera, ndr) possono fornire un apporto significativo e costruttivo”.

Non si fa menzione delle richieste del procuratore Zuccaro che chiedeva le intercettazioni satellitari e la presenza della polizia sulle navi delle Ong per avviare un’inchiesta seria sull’emergenza immigrazione. Inchiesta che, però, la sinistra non vuole in alcun modo.

Impossibile che i politici potessero fare luce su un fenomeno di corruzione di cui sono parte integrante. Soprattutto il PD, che è il partito referente di quella losca congrega che passa sotto il nome di ‘accoglienza’ e che va dalle Ong fino al Vaticano, passando per la ‘ndrangheta.


Lascia un commento