AI PROFUGHI LICENZA DI STUPRO, DONNE ITALIANE ALLA MERCE’ DEL MIGRANTE

Non fanno nemmeno più scandalo. Fino a qualche mese fa sarebbe stata una notizia ‘scandalosa’, oggi è ‘normale’. Parliamo del terribile stupro della ragazzina italiana a Trieste:

AIUTA UN PROFUGO, LUI LA STUPRA: IL DRAMMA DI GIULIA, 17 ANNI

Ormai i profughi hanno licenza di stuprare. Quella in corso è una vera e propria ‘normalizzazione’ della violenza sessuale. 

Uno dei pochi che non si arrende alla nuova ‘normalità’, è il leghista Calderoli: «Ieri una minorenne molestata da un richiedente asilo a Trieste, stanotte una donna violentata da un 40enne marocchino senza fissa dimora a Bologna – ha detto oggi il vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord, Roberto Calderoli – Ora basta, la misura è colma e la pazienza finita. Tutta questa gente deve andarsene a casa subito, va approvata subito la legge sulla castrazione chimica per fare in modo che chi commetterà violenze sessuali sia trattato con i farmaci del caso prima di essere espulso e rimandato a casa, in modo da rendere queste bestie incapaci di offendere. Preferirei però la castrazione chirurgica, con un bel taglio definitivo, ma visto che la legge non lo consentirà mi accontenterò di quella chimica, così poi li rimanderemo a casa con “il pisello messo in sicurezza”».

VERIFICA LA NOTIZIA

Se metti in un territorio masse di giovani maschi, crei uno squilibrio di genere che non può che risultare in una escalation di stupri e di violenza. Soprattutto quando le masse di giovani maschi importati provengono da zone del pianeta dove hai, in contemporanea, un alto tasso sessualizzazione violenta e repressione sessuale.

Perché sia chiaro, questi non sono normali ‘giovani maschi adulti’: questi sono africani sub-sahariani.

Quello che vi stiamo per dire, necessita che apriate la mente oltre la propaganda quotidiana del ‘siamo tutti uguali’: è altamente politicamente scorretto. Come tutte le cose vere.

In loro – nei subsahariani – vi è una maggiore predisposizione allo stupro. Per due motivi: l’eccesso di testosterone coniugato al basso quoziente intellettivo. Non possono controllare i loro istinti con la parte elevata del ragionamento. Ci sono motivi evolutivi per i quali sarebbe necessario un articolo a parte.

Il testosterone è direttamente implicato nell’aggressività. Naturalmente questa è, normalmente, un’aggressività “buona”, quella che permette all’uomo di competere nell’esistenza, ma come in ogni ambito, esiste una misura oltre la quale l’eccesso è negativo.

Nel caso del testosterone, una sua eccessiva presenza, causerebbe e causa, una eccessiva aggressività.
Il testosterone, è infatti direttamente correlato ad una maggiore propensione al crimine: http://www.autismwebsite.com/crimetimes/95c/w95cp4.htm.

Studi scientifici hanno dimostrato che individui con “troppo” testosterone, commettono più reati rispetto ad individui nella norma.

A questo punto, è interessante analizzare e capire se vi è, all’interno della specie umana, una differente e più alta concentrazione di questo ormone a seconda della popolazione presa in esame.
La risposta è si: http://jnci.oxfordjournals.org/content/85/6/506.extract
La misura di testosterone varia, come variano i gruppi razziali: più chiaramente, vi è un sostanziale eccesso di questo ormone nelle popolazioni africane sub-sahariane. Sia nei maschi (che stiamo importando in gran numero), sia nelle femmine (sorelle Williams?).

Quindi, l’alta presenza di questo ormone che è causa di una più alta aggressività, e di conseguenza di una maggiore attitudine a commettere crimini, spiega le statistiche che vedono gli Africani in testa a tutte le classifiche di reati violenti negli Usa e nei paesi di immigrazione come l’Italia. E spiega, la violenza endemica delle società nere, dall’Africa ai Caraibi fino ai ghetti americani.

E spiega, perché, è demenziale e criminale importarli come sedicenti profughi.

Non solo. Come scritto, l’alta aggressività viene mediata dall’intelligenza – che la veicola -, il problema si verifica quando l’alto tasso di testosterone coincide con un basso quoziente intellettivo. Questo accade nelle popolazionei africane sub-sahariane:

QIMONDO

Forte aggressività e bassa intelligenza: un mix non indicato.

Questo non significa, ovviamente, che italiani o tedeschi non commettano stupri. Solo che mediamente ne commettono molti meno. Importare popolazioni che mediamente hanno una propensione allo stupro circa 10 volte superiore, significa commettere un crimine contro le donne.

Stiamo importando bestie feroci tra pecore ammaestrate, il risultato è un’ondata di stupri etnici.

Questo è quello che succede quando l’ideologia secondo la quale gli uomini, le culture e le nazioni siano intercambiabili prende il sopravvento; e quando questa ideologia si mischia, poi, in un mix esplosivo con il nichilismo individualista secondo cui ogni uomo è un universo a sé, non parte di una comunità.

I rifiuti umani di cui trattano la notizie degli stupri etnici che stanno devastando l’Europa e l’Italia da quando è iniziata l’invasione, sono di paesi molto diversi dai nostri e, probabilmente, inseriti in quel contesto nemmeno stuprano; perché in una società, come in un ecosistema, si crea un equilibrio.

Là, il potenziale stupratore prima di alzarsi la ‘sottana islamica’ pensa anzitutto a cosa gli farebbero i parenti della vittima, se lo beccano; perché sono di quella società pure loro e, almeno, al momento giusto pure loro sono barbari. Perché “ci vuole un barbaro per punire un barbaro’.

Ma poi, questi ‘individui’ non stanno più nei loro paesi; vengono in Italia e nella progredita e decadente Europa, dove anche se arrivi illegalmente, senza uno straccio di documento, ti mettono tranquillamente in un hotel, e ti riforniscono di soldi dello stato sociale, verso i quali non avresti alcun diritto ( visto che non è beneficenza il welfare, come qualche idiota ancora non ha compreso, e non può reggere, se viene elargito all’universo mondo, al di fuori della comunità di riferimento).

E qui (dove non ti sei portato moglie o ragazza, perché sei solo un arrivista in cerca di fortuna in terra d’altri) vedi le europee che hanno pelli chiare e non hanno il velo. E dove i parenti della vittima l’unica pistola che hanno tenuto in mano era un superliquidator, e l’unico coltello quello a lama piatta per spalmare la marmellata.

E allora perché, tu ‘profugo’ devi frenarti? Tu gli europei li odi, perché sono più ricchi di te, perché sono degli infedeli, magari anche perché li consideri responsabili delle guerre americane e ti fa comodo sentirti vittima di imperialismo altrui. E le loro terre benestanti le vuoi, non sei certo venuto perché magari sei una sorta rifugiato politico…quello solo quegli idioti degli europei lo possono credere veramente. E in effetti, li disprezzi anche perché sono tanto idioti. Perché si fidano di te.

E allora la sottana islamica può andare a farsi benedire, e gli istinti più profondi si possono liberare senza freni.

Se pure va male? Ti mettono al massimo qualche anno, più facile pochi mesi, in una prigione, scandinava per esempio.

Ma le hai viste le prigioni scandinave? Begli edifici, svariate attività ludiche, tv satellitare, e altro; in pratica, non è un gran cambiamento rispetto all’hotel in cui stavi prima.

Nel frattempo, col tuo atto hai anche lanciato un messaggio ‘territoriale’, e altri stanno venendo per imitarti.

E insomma, come si dice, non possono metterci dentro tutti; quindi almeno dovranno iniziare a cambiare le loro abitudini per noi: e questo è già colonizzazione.

Concludiamo con una riflessione: solo una massa di cuckold andrebbe a prendersi in Libia giovani maschi da immettere sul proprio territorio. Questa è, prima di tutto, una perversione sessuale di massa.



Lascia un commento