Le Pen: “Euro è morto, usciamo prima del caos”



Referendum, poi doppia moneta, quella comune “solo per le grandi imprese che fanno commercio internazionale”, un’altra “nazionale”: questo perché, spiega Marine Le Pen in un’intervista a Le Parisien, “l’euro è morto”.

VERIFICA LA NOTIZIA
Marine Le Pen spiega di voler mettere la parola fine “all’Europa della sanzione, del ricatto”, che “non è più accettata dal nostro popolo”. Il referendum, ribadisce la candidata alle presidenziali, verrà preceduto da “negoziati con l’Unione europea su quattro elementi essenziali per garantire la nostra sovranità: il suo territorio, la sua legge, la sua economia e la sua moneta. Condurrò questi negoziati con i nostri partner europei, perché so che molti condividono questa aspirazione di veder tornare in seno alle rispettive sanzioni questi elementi di sovranità. E affiderò ai francesi il compito di decidere sui risultati di questi negoziati”.



Lascia un commento