Addio immigrati, ora la frutta la raccolgono i Robots – VIDEO



Continua il nostro viaggio nella robotica applicata al mondo del lavoro. Durante il quale stiamo spiegando che, anche dal punto di vista economico, importare masse di immigrati è inutile e negativo. E perché, la scusa del bisogno di manodopera sia un’invenzione di ignoranti e speculatori che non vogliono investire in tecnologia. Inchiodando l’Italia in un’economia retrograda senza crescita tecnologica e quindi senza la creazione di lavori in campi avanzati che fermerebbero l’emorragia di cervelli verso l’estero.

Oggi vi presentiamo il robot di FFRobotics, che punta a sostituire i raccoglitori di frutta negli Stati Uniti, e non solo:

La raccolta di vasti frutteti dello Stato di Washington somiglia a quella di pomodori in vaste aree del nostro Sud. Ogni anno richiede migliaia di raccoglitori, quasi tutti clandestini. Perché finora arrivavano a frotte, e gli agricoltori non avevano bisogno di investire in tecnologia. Con Trump, le cose stanno cambiando, velocemente: “I raccoglitori umani stanno diventando scarsi”, ha dichiarato Gad Kober, co-fondatore di FFRobotics con base in Israele, dove si preferiscono i robot ai migranti afroislamici.

La raccolta, negli Usa, è stata meccanizzata per grandi parti dell’industria agricola, come il grano, i fagiolini, i pomodori (non in Italia, grazie ai traghettamenti!) e molte altre colture. Ma per prodotti più fragili come mele, bacche, uve da tavola e lattuga – dove la delicatezza della raccolta è particolarmente importante – questa è ancora fatta a mano. Per ora.

La linea dura del presidente Donald Trump contro gli immigrati negli Stati Uniti presenti illegalmente ha spinto molti agricoltori del paese a cercare metodi alternativi di raccolta. Vedete, bloccare gli ingressi non deprime l’economia, crea nuovi mercati. E hanno cominciato ad acquistare nuove attrezzature per cercare di ridurre il numero di lavoratori di cui hanno bisogno.

FFRobotics sta sviluppando una macchina dotata di impugnatura a tre dita in grado di raccogliere frutta dai rami. La macchina avrebbe tra quattro e dodici bracci robotici e potrebbe raccogliere fino a 10.000 mele l’ora. La macchina sarebbe in grado di raccogliere l’85-90 per cento del raccolto dagli alberi. Gli umani potrebbero scegliere il resto, e ne servirebbero pochissimi.

Altri produttori stanno lavorando su un tipo di raccolta che utilizza l’aspirazione. E’ il caso di Abundant Robotics:

Entrambi i produttori entreranno nel mercato entro il 2019. Noi continueremo ad importare masse di africani per lavori che durano un mese, e poi tenerceli sul territorio per sempre. A spacciare, rubare e stuprare.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ovviamente, se avessimo un governo normale, questo dovrebbe investire quello che spende in fancazzisti, per finanziare imprese tecnologiche italiane, in modo da presidiare il mercato.


Lascia un commento