Meningite morti sospette dopo sbarco dei “Mille”, profilassi per i volontari



Due clandestini morti per sospetta meningite, dopo un giorno dallo sbarco. Profilassi per tutto il personale impegnato nello sbarco.

Un immigrato, giunto in Calabria in occasione dello sbarco dei ‘mille’ da una nave avvenuto lo scorso 18 aprile a Vibo Valentia, è morto in Puglia il 21 aprile per sospetta meningite. Il caso ha fatto scattare le procedure per la profilassi che riguarderanno tutti i soccorritori coinvolti nelle operazioni di accoglienza, sia a Vibo Valentia che a Bari, dove l’uomo era stato successivamente trasferito. Secondo quanto ricostruito dal Coisp Calabria (Sindacato indipendente di polizia), l’immigrato è giunto nel porto di Vibo a bordo del solito rimorchiatore “Asso Ventinove” che aveva raccattato in mare oltre 1.000 clandestini. Uno sbarco record che aveva fatto scattare un’ imponente macchina operativa, con i successivi trasferimenti in diverse regioni italiane. Pensate, potrebbero, in teoria, avere tutti la Meningite, e averla sparsa in tutta Italia. Perché sia chiaro: non è possibile verificare al momento dello sbarco se qualcuno è infetto, tranne la Scabbia, che è ‘visibile’.

L’immigrato morto è rimasto in Calabria fino al 20 aprile, quando è stato trasferito a Bari, dove è deceduto il giorno successivo.

AFRICA SUB-SAHARIANA: DOVE MENINGITE E’ ENDEMICA

La profilassi per la meningite riguarda tutto il personale di associazioni e forze dell’ordine che hanno partecipato alle operazioni di sbarco e soccorso. “Abbiamo più volte lanciato l’allarme sulle condizioni proibitive in cui opera il personale impegnato in queste operazioni – ha dichiarato il segretario generale regionale del Coisp, Giuseppe Brugnano – evidenziando sia la questione sicurezza, sia la carenza di personale e la paralisi di alcuni uffici. Siamo rimasti inascoltati e la notizia del caso quasi certo di meningite ha creato ora scompiglio e preoccupazione nel personale. In Calabria – ha spiegato Brugnano – così come in altre regioni, stiamo affrontando questa emergenza internazionale in condizioni drammatiche: piccoli uffici immigrazione delle Questure impegnati nelle operazioni di identificazione e verifica per giornate intere, senza turni e con una mole di lavoro imponente.

VERIFICA LA NOTIZIA
Affrontiamo gli sbarchi con centinaia di persone in arrivo e con cadenza ormai quasi quotidiana, ma così è impossibile garantire sicurezza per gli operatori“. Secondo il Coisp, “occorre comprendere la portata dell’emergenza e tutti noi dobbiamo essere messi nelle condizioni di operare nella massima sicurezza, ma anche nel rispetto della dignità di ogni lavoratore. Non possiamo più essere l’avamposto di una emergenza senza precedenti, che viene scaricata sulle spalle di pochi volontari e pochi operatori delle forze di polizia”.

MENINGITE DA DOVE PARTONO I BARCONI – CLICCA

Operatori sanitari e volontari impegnati nell’ultimo sbarco di Vibo Marina, quello dei “Mille”, sono stati convocati dall’Asp di Vibo Valentia per essere sottoposti a profilassi antimeningite per uesta mattina alle 12 nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Jazzolino. Le autorità, nonostante la profilassi, cercano però di smentire la meningite, dicendo che la “decisione è stata assunta in via assolutamente preventiva e non a seguito della morte dei due migranti (deceduti a Vibo ed a Bari nei giorni scorsi). Entrambi i giovani, infatti, hanno perso la vita non per la meningite ma perchè vittime di sindrome da schiacciamento”.

E quindi fai una profilassi per qualcosa che non esiste? Puzza.

EPIDEMIA DI MENINGITE IN NIGERIA: 140 MORTI E 1.000 INFETTI IN POCHI GIORNI



Lascia un commento