Google cambia algoritmo, la libertà sul web sarà ‘vigilata’



Google ha annunciato martedì 25 aprile di avere apportato modifiche al suo motore di ricerca, in particolare al fine di limitare la visibilità delle informazioni scomode. Ovviamente, tutto in nome della lotta alle ‘fake news’.

“Abbiamo adattato i nostri algoritmi per facilitare l’ascesa di alcune pagine ritenute affidabili (da loro ndr) rispetto a quelle con contenuti di ‘bassa qualità’…”. La multinazionale, monopolista per quanto riguarda la ricerca su internet, non ha fornito dettagli su come il suo algoritmo è stato ‘migliorato’,ma è semplice immaginarlo.

Questa regolazione influenzerà l’ordine dei risultati proposti sul motore di ricerca, ma anche sulle informazioni riassunte che offre agli utenti. In modo da non disturbare. E’ l’ennesima mossa per silenziare i media indipendenti che stavano dando voce alla maggioranza silenziosa.

VERIFICA LA NOTIZIA
Google offrirà anche la possibilità di segnalare contenuti ‘razzisti’ e ‘sessisti’. Vogliono rendere ‘vigilata’ la libertà della rete, rendendo gli utenti dei minorati mentali a cui filtrare la verità.



Lascia un commento