PROFUGO TENTA DI VIOLENTARE PIU’ VOLTE VOLONTARIA, CROCE ROSSA NON DENUNCIA

Molestie sempre più pesanti nei confronti di una volontaria della Croce Rossa all’interno del campo di accoglienza governativo di via Regina Teodolinda, a Como.

Un ventenne libico, è stato arrestato dalla polizia, martedì, con l’accusa di violenza sessuale. La cosa grave è che la donna, e quindi la Croce Rossa, invece di denunciarlo immediatamente, ha “più volte cercato di farlo desistere, imponendogli di non avere contatti con lei”. Questo è gravissimo, anche perché poteva fare lo stesso a qualche donna dei dintorni che, a differenza della crocerossina non fa la volontaria.

L’episodio è avvenuto alla presenza di altri volontari, che si sarebbero avvicinati quando si sono resi contro che il ragazzo, ospite del centro da diversi giorni, stava avendo una condotta che andava al di là del tollerabile. Stava vicino all’operatrice, cercava di toccarla nonostante i suoi tentativi di respingerlo, fino a degenerare. Ma, come detto, non l’hanno denunciato.

E’ stata la polizia, presente all’interno del centro, a decidere di procedere all’arresto. In sei mesi dall’apertura del centro, non si contano furti e reati contro il patrimonio perpetrati dagli ospiti a spese nostre del centro gestito dalla Croce Rossa. Ormai impegnata nel lavoro di capillare colonizzazione del paese, tanto da nascondere anche le violenze sessuali commesse dai migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA
La Croce Rossa è talmente impegnata nel business da spendere e spandere vostri soldi nell’acquisto di spazi pubblicitari su tutti i media italiani, in collaborazione con il fotografo per cuckold Oliviero Toscani. Un tempo curavano i feriti nei campi di battaglia, oggi forniscono volontarie per il sollazzo dei clandestini: perché questo significa non denunciare chi tenta una violenza ai danni di una donna. Esserne complici. La Croce Rossa è complice.

Domanda: quanti altri casi di violenza sessuale commesse da profughi la Croce Rossa ha insabbiato e sta insabbiando? Ai magistrati non interessa indagare chi nasconde reati?


Lascia un commento