Pulizia etnica, Cristiani a rischio estinzione

Il Papa arriverà al Cairo a fine mese e gli attacchi delle bandiere nere contro i cristiani non si fermano.

L’ultimo è avvenuto martedì a un posto di blocco della polizia che difende il monastero di Santa Caterina nel Sud del Sinai. Un agente è stato ucciso e altri quattro feriti, ma gli assalitori hanno dovuto ripiegare.

«L’attacco condotto nel Sud del Sinai è stato eseguito dai combattenti dello Stato islamico» ha rivendicato l’agenzia di stampa Amaq legata al Califfato. La ventina di monaci greco-ortodossi stanno bene e l’antico luogo di culto non è stato colpito. Il monastero sorge alle pendici del monte dove Mosè avrebbe parlato con Dio ricevendo i dieci comandamenti. L’attacco segue la strage con di Pasqua nelle chiese di Tanta e Alessandria, che ha provocato la morte di una cinquantina di fedeli per mano di due terroristi suicidi.

Purtroppo non è l’unico martirio dei cristiani in Medio Oriente. Dalla Siria all’Irak, dalla Libia allo Yemen, chi crede in Gesù è perseguitato.

I cristiani in Egitto sono il 10% di una popolazione di 94 milioni, in gran parte musulmana e vivono assediati da sempre. Dal 2011 sono 77 gli attacchi contro la minoranza copta solo nella provincia di Minya, dove i cristiani registrano la concentrazione più alta con un terzo degli abitanti. Dopo la caduta del presidente dei Fratelli musulmani, Mohammed Morsi, gli attacchi sono aumentati. I cristiani vengono bollati come alleati del nuovo capo di stato, il generale Abdel Fattah Al Sisi.

Il Califfato ha cacciato 135mila cristiani da Mosul e dalla piana di Ninive fuggiti come profughi nel nord dell’Irak nel 2014. Adesso sono rimasti in 90mila. Gli altri sono scappati all’estero. E hanno paura di tornare nelle loro case, anche se sono state liberate dall’offensiva contro la «capitale» dello Stato islamico. Per rimettere in piedi i villaggi cristiani ci vorranno oltre 200 milioni di dollari. Ed una nuova minaccia si profila all’orizzonte: le milizie sciite, vittoriose a Mosul, vorrebbero occupare le terre cristiane con l’appoggio finanziario dell’Iran.

Nel 2003, prima dell’invasione alleata che ha abbattuto Saddam Hussein, i cristiani in Irak erano oltre un milione e mezzo. Adesso sono appena 300mila anime.

Il rischio di estinzione dei cristiani in Medio Oriente è concreto e si tocca con mano anche in Siria dove sono fuggiti dalla guerra in mezzo milione. Paolo si convertì sulla strada di Damasco, ma in città come Aleppo gran parte delle chiese sono state distrutte dai combattimenti. E dei 120mila cristiani prima della sanguinosa «Primavera araba» ne sono rimasti 35mila. Molti fedeli di Gesù sono stati rapiti e uccisi, talvolta con la crocifissione. Padre Paolo Dall’Oglio, il religioso italiano dell’antico monastero di Mar Musa è stato sequestrato nel 2013 e probabilmente ammazzato. Gli ostaggi cristiani vengono utilizzati come scudi umani in prima linea o per scavare trincee. Nella maggior parte dei casi servono per fare cassa. Nel 2015 erano stati rapiti in 230 dallo Stato islamico a Qaryatayn. I tagliagole volevano 30 milioni di dollari per lasciarli andare.

Anche in Libia i cristiani sono sotto tiro. Le bandiere nere hanno decapitato sia un gruppo di 21 egiziani copti sia di 31 eritrei cristiani, tutti migranti. Le orribili scene delle esecuzioni di massa sono state riprese sulla spiaggia con il sangue dei martiri che si mescolava alla risacca del Mediterraneo.

VERIFICA LA NOTIZIA
Secondo la fondazione pontificia, Aiuto alla chiesa che soffre, nel febbraio dello scorso anno erano detenuti in Iran 90 cristiani a causa della loro fede. In Arabia Saudita non si possono costruire chiese. Nello Yemen nel marzo 2016 quattro religiose di santa Madre Teresa di Calcutta sono state uccise assieme ad altre 12 persone per mano jihadista.

Quasi 100.000 cristiani vengono uccisi ogni anno per ragioni legate alla loro fede. Come molti cristiani copti in Egitto, Ayman Nabil Labib aveva un tatuaggio della croce sul polso.

Tempo fa, un suo insegnante gli disse di coprirlo in classe. Invece di obbedire, il giovane con aria di sfida tirò fuori la croce appesa al collo, rendendola visibile. Il maestro si arrabbiò e cominciò a soffocarlo, incitabdo i compagni musulmani del giovane dicendo: “Che cosa avete intenzione di fare con lui?”

Lo picchiarono a morte. False dichiarazioni sono state date alla polizia, e due ragazzi sono stati presi in custodia solo dopo che la famiglia terrorizzata di Ayman ha parlato.

La sofferenza di Ayman non è un caso isolato in Egitto o nella regione.

La primavera araba, e in misura minore il rovesciamento di Saddam Hussein, è stato propagandato come un grande cambiamento storico nella regione. Dall’Egitto alla Siria all’Iraq, dittature del Medio Oriente sarebbero state seguite da regimi democratici liberali. Anni dopo, però, c’è molto poco liberalità o democrazia da mostrare. Infatti, ciò che questi sconvolgimenti hanno lasciato in eredità alla storia è il quasi annientamento delle più antiche comunità al mondo di cristiani.

La persecuzione dei cristiani in tutto il Medio Oriente, così come il silenzio con cui è stato vissuto in Occidente, sono oggetto del libro del giornalista Ed West “Il silenzio dei nostri amici.”

Una litania vivace e agghiacciante di orrori: leggi discriminatorie, sepolture di massa, pogrom ufficiali, e l’esilio. I perseguitati non sono solo copti e cristiani nestoriani che hanno relativamente pochi come loro in Occidente, ma anche cattolici, ortodossi e protestanti.

In tutto il Medio Oriente, il modello è lo stesso. I cristiani vengono assassinati nella violenza di folla o da gruppi di militanti. Le loro chiese sono bombardate, i loro negozi distrutti, e le loro case saccheggiate. Le leggi ora li renono cittadini di seconda classe, e la maggior parte di loro alla fine lasciano.

In Egitto, la voce che una ragazza musulmana uscisse con un ragazzo cristiano ha portato alla distruzione di molteplici chiese, e all’imposizione del coprifuoco sulla popolazione cristiana locale. Bambini analfabeti sono stati tenuti in custodia di polizia per avere orinato in un mucchio di spazzatura, perché un imam ha affermato che le pagine che citano il Corano erano nella pila ed erano state oltraggiate.

In Siria, la situazione è ancora peggiore. Nel giugno 2013, un gruppo di villaggi cristiani è stato completamente distrutto. Fra Pierbattista Pizzaballa ha riferito che ” dei 4.000 abitanti del villaggio di Ghassanieh … non più di 10 rimangono.”

Due vescovi siriani sono stati rapiti da gruppi ribelli. I militanti hanno espulsi il 90 per cento dei cristiani nella città di Homs. Il Patriarca Gregorios III di Antiochia dice che, su una popolazione di 1,75 milioni, 450.000 cristiani siriani hanno semplicemente abbandonato le loro case per la paura.

In Iraq, la storia è la stessa, ma più drammatica. Secondo West, tra il 2004 e il 2011 la popolazione dei Caldeo-assiri cristiani è scesa da oltre un milione a circa 150.000.

Nel 2006, Isoh Majeed, che ha sostenuto la creazione di un rifugio sicuro per i cristiani di Ninive, è stato assassinato nella sua casa. Il numero di chiese in Iraq è sceso a 57, da 300 prima dell’invasione americana. Il declino della popolazione cristiana irachena fin dalla prima guerra del Golfo è di circa il 90 per cento, con la maggior parte del calo che si è verificato dopo l’invasione del 2003.

L’Occidente ha enormi responsabilità in questa catastrofe, dal momento che ha supervisionato la creazione del governo del dopoguerra iracheno e ha fatto poco per proteggere le minoranze religiose. Come del resto ne abbiamo per la caduta dell’allora Costantinopoli.

Il libro di West tocca il comportamento insensibile dei governi occidentali in questi episodi. Aiuti alla ricostruzione in Iraq vengono distribuiti in base alle leggi irachene che discriminano gli iracheni cristiani. Gli Stati Uniti versano miliardi di aiuti in Egitto, eppure i cristiani in quel paese non sono autorizzati a costruire chiese.

Lo scorso settembre, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno cercato di rendere il loro sostegno di gruppi ribelli siriani esplicito, le stesse milizie che stavano eseguendo pogrom contro i cristiani.

Un negoziante cristiano a Ma’loula ha riassunto in una citazione alla BBC: “. Dite all’UE e agli americani che vi abbiamo mandato San Paolo 2000 anni fa, per liberarvi dalle tenebre, e ora loro ci inviano i terroristi per ucciderci”.

Attivisti occidentali e media di distrazione di massa sono tutti concentrati per le leggi della Russia contro la “propaganda omosessuale”, non possono perdere tempo a protestare contro le leggi che puniscono le persone con la morte per essersi convertite al cristianesimo.

Ed West, cita il filosofo francese Regis Debray, e distilla il problema così: “Le vittime sono ‘troppo cristiane’ per eccitare la sinistra”.

Queste sono le terre in cui gli apostoli di Gesù ‘e dei loro discepoli hanno portato la parola per la prima volta. In un’intervista, West ha sottolineato che queste comunità “erano cristiani quando gli antenati degli americani adoravano gli alberi e le pietre.” Ora sono in pericolo di estinzione imminente.

Nel 2013, Raphael I Sako, patriarca caldeo di Baghdad, ha dichiarato quanto segue nella sua omelia: “Ancora l’ombra di paura, ansia, e la morte è appesa sopra il nostro popolo.”

Ha avvertito: “Se l’emigrazione continua, Dio non voglia, non ci saranno più cristiani in Medio Oriente. Non sarà più che un lontano ricordo.».

Il libro di West è un promemoria che fa riflettere sul fatto che noi, la politica occidentale ha contribuito a plasmare questo triste destino per i cristiani del Medio Oriente – e il silenzio della Chiesa permette che questo prosegua.

In tutto questo, la scelta strategica dei governi italiani è traghettare i carnefici in Italia. Presto la pulizia etnica sarà lungo le nostre strade, e noi saremo le vittime.


Lascia un commento