GESSICA NOTARO: IL VOLTO DELL’INTEGRAZIONE – VIDEO

Ieri Gessica Notaro, 28 anni, ha calcato il palco del Maurizio Costanzo Show per raccontare la propria tragica storia di amante degli animali. Durante la registrazione del programma (in onda stasera su Canale 5 in seconda serata), quando il sipario si è alzato, è apparsa con la testa avvolta in un velo. Poco dopo Costanzo le ha chiesto se volesse toglierlo: «Può rimanere così se vuole», ma lei, dopo un istante di esitazione, ha deciso di levarselo: «No, preferisco toglierlo».

Il racconto di Gessica è stata molto dettagliato: «Era una grande storia d’amore», ha detto più volte. «Mi ha chiesto di sposarlo e io ho accettato». Così vanno a vivere insieme con la madre di Gessica. Secondo il suo racconto, in questo modo il capoverdiano Edson Tavares aveva trovato il calore e l’affetto di una famiglia. Ma poi è uscita la bestia che era in lui. Gessica ha proseguito raccontando come il suo fidanzato abbia cominciato a mancarle di rispetto, offendendola e maltrattandola.

VERIFICA LA NOTIZIA

A questo punto – alla buon’ora – si è resa conto che era meglio accantonare il matrimonio e ha cercato di convincerlo con argomenti accomodanti: «In questo momento non me la sento». La ragazza in realtà sperava che lui si rassegnasse, e di sbolognarlo ad un’altra ragazza amante degli animali. Nulla da fare, non è uno ‘sport’ poi così diffuso. Erano ormai otto mesi che le cose andavano male – è il racconto di Gessica a Costanzo – quando avviene l’aggressione: il 10 gennaio Edson, che l’attendeva sotto casa a Rimini, le lancia in faccia l’acido. Gessica ha spiegato di aver subito tre operazioni all’occhio, due nelle fasce muscolari e una al globo vero e proprio.

E’ l’integrazione. Ma non ditelo, per i media il lanciatore di acido è colpevole in quanto ‘uomo’, non in quanto immigrato.

Del resto il cervello umano è un mistero, c’è chi ha avuto il coraggio di riprodursi con il famoso tennista americano:

Loved up! Here the two are seen hugging in January soon after their engagement

A questo punto, tutto è possibile.


Lascia un commento