La crescita italiana è finita tutta in Romania: + 4,2%

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo, dal 3,8% al 4,2%, le proprie stime sulla crescita economica della Romania per il 2017. Lo riporta Romania Insider, citando l’ultimo “World Economic Outlook” pubblicato dal Fmi.

Secondo il documento, la Romania registrerà quest’anno il secondo tasso di crescita più alto in Europa, superata solo dall’Islanda (5,7%). Nel complesso, l’Unione si caratterizzerà per una crescita economica del 2%, mentre l’aumento del Pil sarà del 3% nella Nuova Europa.
I prezzi al consumo aumenteranno in Romania dell’1,3% e il tasso di inflazione accelererà al 3,1%. Le stime del Fmi sul disavanzo di bilancio non sono invece cambiate e restano attestate per il 2017 al 2,8% del Pil. Il Fondo monetario ha infine rivisto al ribasso il tasso di inflazione del paese, stimato al 5,4% per l’anno in corso.

VERIFICA LA NOTIZIA
La La crescita italiana è finita tutta in Romania. Il che non sorprende: c’hanno scaricato zingari e delinquenti; non hanno adottato l’Euro ma possono esportare in tutta la UE senza dazi, attirando così le nostre imprese in cerca di manodopera low-cost e mediamente qualificata. Gli imbecilli siamo noi: che ci siamo presi i loro zingari e i loro criminali, abbiamo adottato l’Euro e permesso l’ingresso della Romania in Ue.


Lascia un commento