CAGLIARI, ARRIVA NAVE NORVEGESE CON 815 CLANDESTINI: E’ CACCIA AD HOTEL

E’ stato anticipato di qualche ora l’arrivo a Cagliari della nave norvegese Siem Pilot con a bordo 816 clandestini, quasi tutti uomini. Secondo le previsioni dovrebbe attraccare al molo Ichnusa alle 14. Molti infetti, Scabbia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Già da ieri sera la prefettura di Cagliari sta lavorando nel tentativo di individuare strutture ricettiva in cui ospitare i fancazzisti. La situazione si presenta difficile visto che i posti disponibili sono pochi. Lo scorso 23 marzo, infatti, era approdata a Cagliari la stessa nave norvegese Siem Pilot con a bordo oltre 900 clandestini. Al momento è stato deciso che i primi 300 stranieri che sbarcheranno oggi saranno distribuiti fra le province di Cagliari e Sassari. Le procedure proseguiranno domani, mentre si lavora per individuare gli hotel in cui ospitarli.

“Nonostante i vari annunci del Governo su fallimentari accordi con chissà quale autorità libica, nonostante gli annunci bonari del neo presidente ANCI Sardegna su un’accoglienza ridotta a veri richiedenti asilo e nuclesi familiari e infine nonostante le parole del Prefetto di Cagliari che i posti sono finiti, gli arrivi di immigrati a centinaia nella nostra città continuano” dichiara Salvatore Deidda, portavoce regionale di Fdi-An.

“Con responsabilità non alimentiamo guerre tra poveri o non diamo responsabilità agli immigrati ma l’annuncio di un nuovo arrivo di 800 immigrati a Cagliari,man ora una volta tramite la neve seam pilot, grida vendetta è quantomeno dovrebbe vedere le dimissioni di qualcuno tra le autorità sopracitate poiché le parole dette in passato non corrispondono a verità” continua l’esponente di Fdi-An.

“Arresti ogni giorno o quasi, un degrado sociale che aumenta e amministratori locali che non vengono ascoltati visto la loro contrarietà a concedere autorizzazioni o spazi per gli immigrati. Non sono nuclei familiari quelli che arrivano. La maggioranza sono maschi, non sono siriani ma provengono da zone in cui è’ difficilmente identificabile con zone di guerra” conclude Deidda “A Cagliari, ma non solo, niente è stato fatto per contrastare parcheggiatori abusivi, venditori er non parlare della situazione precaria nel quartiere Marina di Cagliari o del centro storico di Sassari. La pazienza è’ finita da tempo. Nessuno mette sotto accusa i disperati ma va detto che questi stanno innanzitutto danneggiando i tanti immigrati onesti che hanno seguito la via legislativa giusta e oggi sono parte integrante della mostra comunità. Perché loro devono faticare come ogni italiano per guadagnarsi la pagnotta italiana e si vedono scavalcati da chi usa la malavita per arrivare in Italia?”.


Lascia un commento