Cesenatico: profughi di giorno, spacciatori di notte

Migranti, proteste degli albergatori a Cesenatico. Pompignoli: “Evitare ospitalità in località balneari”

Il tema dell’accoglienza di 80 profughi fancazzisti e spacciatori in una struttura alberghiera di Cesenatico, a due passi dalla spiaggia di Ponente, è al centro di un’interrogazione di Massimiliano Pompignoli (Lega), che prende spunto dalle dichiarazioni di un operatore turistico, presidente dell’associazione Cesenatico Ponente Eventi, pubblicate giovedì dalla stampa locale, da cui emerge, fra l’altro, “l’impossibilità di affrontare un’altra estate in queste condizioni”, con il rischio di “dover chiudere delle attività, perdere posti di lavoro e innescare una spirale di degrado senza precedenti”.

Blitz anti-droga in hotel profughi: droga da spacciare nelle stanze – FOTO

“Poco più di un mese fa – aggiunge il consigliere – era intervenuto, con gli stessi toni, anche un altro albergatore di Ponente, proprietario di una struttura confinante con l’hotel dove sono ospitati i richiedenti asilo, che denunciava una situazione gravissima, che rischierebbe di compromettere un’altra stagione balneare perché, sottolineava, i ‘profughi fanno scappare i turisti…molte famiglie non vogliono più venire qui, ce lo hanno detto chiaramente”.

Banda di profughi spaccia sulla spiaggia: ospitati in questi hotel – GUARDA

VERIFICA LA NOTIZIA
Pompignoli ricorda che “questi richiedenti asilo, la cui gestione è affidata alla cooperativa Cad, sono “ospiti” da più di due anni all’hotel Splendid, che alcuni di loro, nell’estate del 2015, sarebbero stati trovati dalla polizia municipale a vendere merce abusiva in spiaggia o segnalati per possesso e spaccio di sostanze nelle vicinanze dei Giardini a mare, che è stata promossa una petizione popolare per chiederne il trasferimento altrove e che, fin dai primi arrivi nel 2014, la Lega Nord ha messo in atto iniziative pubbliche e istituzionali per sottolineare le gravi ripercussioni innescate dalla presenza di richiedenti asilo in una località balneare”.

Da queste considerazioni, l’invito del consigliere leghista alla Giunta perché “metta in atto iniziative urgenti per tutelare gli interessi di imprenditori, albergatori e residenti della zona di Ponente che stanno vivendo una situazione di “chiara sofferenza””. Pompignoli chiede anche all’esecutivo regionale “di sollecitare il sindaco di Cesenatico e il Prefetto di Forlì-Cesena a dislocare altrove gli 80 richiedenti asilo dell’hotel Splendid e di assumere iniziative per evitare che l’accoglienza a migranti in località balneari romagnole influisca negativamente sulle presenze turistiche”. Infine, la richiesta “di portare all’attenzione della Conferenza Stato Regioni questa emergenza, in modo da evidenziare la necessità di misure risolutive che tutelino le attività turistiche romagnole”.



Lascia un commento