Profugo prima irrompe in chiesa, poi si denuda al pronto soccorso

La polizia di Forlì ha denunciato per atti osceni in luogo pubblico un africano richiedente asilo. Lo straniero, infatti, dopo essersi fatto portare in ospedale con un’ambulanza per una lieve ferita alla mano, ha iniziato ad aggirarsi per il pronto soccorso denudandosi e mostrando a tutti i presenti le proprie parti intime. Dopo svariati minuti, duranti i quali l’immigrato aveva molestato chiunque gli si trovasse davanti, sono finalmente intervenuti i poliziotti che hanno allontanato il profugo dall’ospedale e lo hanno denunciato a piede libero con l’accusa di atti osceni. Che è stata depenalizzata dal governo Renzi, quindi rischia una ‘pesante’ multa.

Il profugo già in mattinata si era reso protagonista di un altro fatto nei pressi della chiesa dei Romiti in via Firenze, molestando all’ingresso i fedeli che si stavano recando alla messa domenicale.

VERIFICA LA NOTIZIA
Quindi, attraverso alcuni volontari, aveva richiesto l’intervento dei sanitari per una ferita ad una mano. Per questo motivo è stato portato in ambulanza al pronto soccorso. Dopo alcune ore di attesa, ha cominciato a manifestare un certo ‘nervosismo’, mostrando le parti intime e aggirandosi nell’area giochi presente all’interno della struttura sanitaria a caccia di bambini.


Lascia un commento