Profughi terrorizzano volontaria perché segnale Wi-Fi è assente



“Questi andrebbero espulsi subito, protesta vergognosa che offende gli italiani che vivono in situazioni di disagio”

Segnale wi-fi assente nella struttura ricettiva per profughi di via Roma gestita dal Santa Rita e i circa settanta richiedenti asilo hanno inscenato una delirante protesta che è rientrata solo dopo l’arrivo di polizia e carabinieri.

E’ accaduto intorno alle 10 di oggi, domenica 19 marzo. In quel momento nella struttura, composta da una serie di deliziose abitazioni a fianco della chiesa del Soccorso, era presente solo un’operatrice (intelligente) che ha immediatamente chiesto aiuto alle forze dell’ordine nel timore che la protesta potesse degenerare. E visto quel che succede in altri centri, ha fatto bene.

Sul posto sono state fatte confluire un paio di pattuglie dei carabinieri e altrettante della polizia. I profughi hanno protestato perché i telefonini non riuscivano ad agganciare la rete wi-fi. Dramma: come scaricare filmini hot?

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
“E’ inconcepibile che si continui a tollerare situazioni simili – il commento durissimo del capogruppo di Prato libera e sicura in Consiglio comunale, Aldo Milone – questi profughi andrebbero espulsi anche per lanciare un messaggio agli altri. Si spendono miliardi per accoglierli e loro ripagano con la protesta perché non possono chattare o navigare in Internet. Presenterà una questione time per avere chiarimenti e sapere quali provvedimenti prenderà il sindaco. Dire che la protesta è una vergogna che offende gli italiani che vivono in condizioni disagiate o addirittura in auto o sotto un ponte, è dir poco”.



Lascia un commento