Marocchino infetto terrorizza pazienti anziane e prende a sediate infermiere



ROVIGO – Sta seminando il panico in reparto. Un reparto, tra l’altro, di per sé molto “sensibile” come malattie infettive. Succede da 15 giorni a questa parte, da quando un uomo marocchino di circa 30 anni, ricoverato in isolamento perché ha contratto la tubercolosi, non perde occasione per spaventare assistenti, infermiere e anche pazienti del reparto.

CLICCA
CLICCA

In due occasioni è già intervenuta la polizia per ‘mettere in riga’ il paziente molesto pericoloso: in un caso aveva lanciato una sedia addosso a un’infermiera, in un altro aveva scaraventato a terra vassoi, un bicchiere ed era andato in escandescenze.

DIFFUSIONE TUBERCOLOSI
DIFFUSIONE TUBERCOLOSI
VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA

In 15 giorni ha anche cercato di scappare dal reparto, facendo suonare l’allarme di emergenza. Venerdì notte, addirittura, il malato affetto da tubercolosi, dunque contagioso, è entrato con fare minaccioso dentro la stanza di due anziane ricoverate nel reparto, terrorizzandole. Era sera e le due donne hanno chiamato l’assistenza per essere protette da qualcuno, ma non hanno dormito per il resto della notte.

Il direttore generale Antonio Compostella: “In casi di disturbi comportamentali possiamo disporre un trasferimento nel dipartimento di salute mentale. Verificheremo”.

Rimandarlo in Marocco no, troppo intelligente. Meglio tenerlo qui, curarlo a spese nostre. E lasciare che molesti i pazienti. Stato di merda.



Lascia un commento