Legittima difesa, italiani invocano linea dura contro bande immigrati



Secondo un sondaggio di IPR Marketing, oltre il 56% della popolazione ritiene che non deve essere reato se una persona aggredita in casa o per strada spara o si difende con altri mezzi ed uccide il ladro. In pratica ciò che è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì nell’osteria-tabaccheria a Gugnano di Casaletto Lodigiano.

La pensa così circa il 30% degli elettori PD – o di quel che ne resta – e il 52% di quelli grillini, a dimostrazione che si tratta di un elettorato molto diverso da alcuni suoi rappresentanti in parlamento.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
Il 68% indica tra i maggiori responsabili della ‘deriva sicurezza’ la classe politica ed il Parlamento. Inoltre il 72% avverte che nella propria area di residenza il fenomeno negli ultimi 4-5 anni è decisamente aumentato e tra questi, circa la metà pensa che l’emergenza sicurezza abbia assunto dimensioni insopportabili in relazione alla presenza di bande straniere.

Circa la metà dei cittadini pensa che sia giusto detenere un’arma a casa per poter difendersi.

E’ tempo di farsi giustizia da soli. Anche contro chi ci sgoverna.



Lascia un commento