Rom invadono ospedale: uno di loro si sta operando gratis



Padova, il cinquantenne Elvis Seferovic, 11 figli, capo zingaro di 50 anni dell’ex campo nomadi di via Bassette, si è fatto espiantare un rene per donarlo alla moglie Hanka Mujic, in dialisi da lungo tempo. Tutte le spese a carico dei contribuenti, visto che loro, gli zingari, le tasse non le pagano.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA
Ma non basta il conto da centinaia di migliaia di euro. Perché con la scusa dell’operazione al loro capo, centinaia di zingari hanno preso d’assalto l’ospedale: con decine e decine di roulottes parcheggiate lungo la strada di accesso al nosocomio.

L’invasione ha provocato la protesta degli altri pazienti, infastiditi per i ritardi ed i disagi che inevitabilmente ne sono conseguiti.

«Sono preoccupata», spiega una padovana, «entrando all’ospedale ho visto decine di camper in sosta, occupano tutti i posti blu disponibili. Nessuno ha pagato il ticket e non capisco perché non gli venga fatta la multa. Già c’è poco parcheggio, ci mancava anche questa. Sapere che sono qui perché uno di loro è in sala operatoria, a livello umano, è apprezzabile. Però qui la situazione è fuori controllo, i sospetti e le paure non si possono nascondere. In ospedale c’è tanta gente inferma, le porte sono aperte e se poi qualcuno tenta di approfittarsene?». Senza se.

Per riportare la calma sono dovuti intervenire carabinieri e polizia, costretti a presidiare la zona per tutta la giornata.



Lascia un commento