Spaccio, sgominata banda di 12 profughi: giro affari da capogiro

Si erano spartiti le piazze per lo spaccio a Feltre e da mesi, almeno dal giugno 2016, erano impiegati in una rete di vendita di stupefacenti rivolta quasi esclusivamente a minorenni.

fact_iconParliamo di 12 richiedenti asilo ospiti della cooperativa Dumia, finiti nell’inchiesta della Procura, i principali fornitori di hashish e marijuana. I gambiani operavano al parco del Boscariz, vicino alla struttura di via Caboto, al civico 37 dove sono residenti. I nigeriani, ospiti della struttura di via Troiol, al civico 25, operavano invece nella zona del parco della Rimembranza e il parco di via Damello, spingendosi in alcune occasioni agli istituti scolastici Canossiano ed Enaip. Erano organizzatissimi e avevano anche tariffe diverse: i gambiani vendevano maria a 5 euro al grammo, i nigeriani a 8-9 euro. Tutti i 12 indagati erano richiedenti asilo, arrivati da meno di un anno e ammessi all’accoglienza: per tutti la Prefettura ha già avviato la procedura per la revoca dell’accoglienza. Con calma.

Ordinanze emesse dal gip del Tribunale di Belluno Vincenzo Sgubbi, richieste e ottenute dal sostituto procuratore Marco Faion. È il pm titolare dell’indagine denominata Parco Gambia che dopo la notte di Halloween portò all’arresto di tre gambiani. Quello era solo il primo capitolo: poi è emerso in tutta la sua drammaticità il secondo capitolo. In carcere sono finiti ora anche alcuni dei nigeriani e si sono aperte le porte della cella per: Kenneth Egbunu, 24 anni detto Ken e Augustin Mike, 22enne, detto Stylis o Boy. La terza ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita a carico del gambiano già detenuto nel carcere trevigiano di Santa Bona: Mustapha Tobb (detto Musta), 23enne.

Il giro di affari dei profughi è da capogiro: in poche settimane avrebbero spacciato quasi 2 chili di stupefacenti leggeri per 30 cessioni al giorno. Gli accordi arrivavano anche al telefono e il ritiro da parte dei ragazzini nel domicilio dei richiedenti asilo, ospiti della Dumia o nei parchi cittadini.

Con le navi della Marina importiamo prostitute e spacciatori. Ogni tanto qualche stupratore. Sentiti complimenti ai farabutti al governo, che dovrebbero essere arrestati per complicità nei reati che commettono i fancazzisti spacciati per profughi.


Lascia un commento