Bergoglio ora sdogana anche i Barbari: “Europa nata da migranti”



“Le migrazioni non sono un pericolo, sono una sfida per crescere. E lo dice uno che viene da un Paese dove più dell’80% sono immigrati”. E’ uno dei bizzarri passi del discorso di Bergoglio durante la sua visita di stamane all’Università di Roma Tre. L’Argentina è tutta popolata di immigrati, lo sanno bene gli Indios, ormai finiti in pittoresche riserve o slum invivibili. Vogliamo ripetere il bell’esempio?

“A proposito di identità cristiana dell’Europa – ha detto il Papa nell’ampio discorso ‘a braccio’ – e di paura che se venga gente di altra cultura perdiamo identità europea, ma io mi domando quante invasioni ha avuto l’Europa dall’inizio a qui? L’Europa è stata fatta di invasioni e migrazioni, voi sapete meglio di me che l’Europa è stata fatta artigianalmente, così le migrazioni sono un percorso, sono una sfida per crescere”.

E’ un personaggio ignorante e pericoloso, proprio per la sua ignoranza dei fenomeni storici. Chiedete ai cittadini romani massacrati durante le sue ‘migrazioni’, chiedete agli abitanti di Aquileia: l’Europa non è tale ‘per le invasioni’, ma ‘nonostante le invasioni’.

Ma questo papa eretico cosa fa? Invoca le invasioni. I massacri, per “rifare artigianalmente l’Europa”. Questa, ovviamente, non è una visione cristiana, ma marxista: la creazione di un ‘uomo nuovo’.


Un pensiero su “Bergoglio ora sdogana anche i Barbari: “Europa nata da migranti””

Lascia un commento