Prete appalta a Musulmani tuniche per comunioni



Saranno realizzate da due sarti musulmani le tuniche per le prime comunioni che si terranno a fine primavera nelle parrocchie pistoiesi di Ramini e Vicofaro.

I sarti sono due sedicenti profughi, Ebest Makallo e Babukar Ndow, del Gambia e che vivono, a spese dei contribuenti, nei locali parrocchiali gestiti dall’ormai noto don Massimo Biancalani, da sempre impegnato nella resa all’Islam e nel business dell’accoglienza.

“Credo sia un segnale di pace, gioia e speranza”, ha dichiarato il sacerdote, aggiungendo che “sarebbe bello che anche altre parrocchie aderissero a questa iniziativa e facessero confezionare gli abiti a questi ragazzi”. Certo, i sarti italiani possono morire di fame.

Qui alcune notizie con protagonista il Biancalani:

Prete trasforma chiesa italiana in moschea: “Ce l’ha chiesto Bergoglio”

Parroco amico dei profughi: “Costruire moschea con soldi pubblici”

Bizzarro.



Lascia un commento