AllemagneCongolais

PROFUGO SGOZZA DONNA E POI LA DECAPITA: FATTA A PEZZI

Altra raccapricciante vicenda che riguarda un profugo di 39 anni. Un richiedente asilo congolese, del quale è stato diffuso solo il nome di battesimo, Yve, ha ucciso con 30 coltellate una ragazza nella città tedesca di Mariendorf, vicino Berlino. Poi l’ha decapitata, e amputata del braccio sinistro e dell’orecchio destro. Lo scrivono i media tedeschi.

Am 10. Juni 2016 wurde die Leiche aus der Wohnung geborgen (Foto: Spreepicture)

Settimane dopo, quando la polizia ha trovato il corpo della ragazza era, non solo già in avanzato stato di decomposizione, ma anche decorato con diversi tipi di pietre, nastri e piume. La testa, il braccio sinistro e l’orecchio destro erano stati tranciati. Un macabro rituale africano.

Tutto questo è avvenuto nel maggio scorso, ma lo si apprende oggi, dopo l’apparizione del profugo in tribunale. Dove non ha risposto alle domande.

QIMONDO

Yve, che usa marijuana dalla giovane età, è affetto da schizofrenia paranoide accompagnata da allucinazioni di tipo religioso. Per questo motivo sconterà la sua ‘pena’ in un istituto psichiatrico.


Lascia un commento