SCANDALO MEDICI SENZA FRONTIERE SCAFISTI: “Chi controlla navi delle ong?”



“Chi controlla le navi delle ong che accompagnano i migranti soccorsi in mare?”. Lo ha chiesto alla Commissione Europea l’europarlamentare della Lega Lorenzo Fontana che ha presentatoun’interrogazione scritta dopo il report di Gefira pubblicato per primo in Italia da Vox.

VIDEO - CLICCA
VIDEO – CLICCA

Il documento presentato dall’esponente leghista: “Secondo un’inchiesta dell’istituto di ricerca Gefira, 15 navi appartenenti a diverse organizzazioni non governative (ONG), hanno condotto sulle coste italiane circa 39 mila persone nei mesi di ottobre e novembre. I dati sono stati raccolti tramite marinetraffic.com, sito internet che monitora il traffico marittimo mondiale”.

Secondo Gefira, le imbarcazioni delle ONG partono dalle coste italiane per approdare in acque territoriali libiche e prelevare i migranti in difficoltà nelle loro barche precarie”. E quindi “considerando la difficile situazione migratoria e il pericolo di alimentare un indegno traffico di esseri umani”, l’europarlamentare chiede: “E’ a conoscenza la Commissione dell’indagine e come ne giustifica le rivelazioni? Ha essa mai condotto accertamenti sull’operato delle Ong?”.

La ricerca menzionata da Fontana accusa le Ong di “importare immigrati in Europa su scala industriale” e sembra avanzare più di un sospetto sull’operato delle organizzazioni umanitarie impegnate sullo scenario del Mediterraneo. E’ stata pubblicata all’inizio del mese di dicembre. In una nota l’eurodeputato ha detto: ““Chiunque alimenti, incentivi o supporti il traffico di uomini, dietro il finto paravento della solidarietà, mette in atto pratiche criminali e contribuisce a destabilizzare l’intera Europa. I responsabili di simili azioni dovrebbero essere severamente perseguiti”.

Più che alla Commissione UE sono domanda da porre al governo abusivo italiano, visto che permette alle navi degli scafisti privati di scaricare i clandestini raccattati in Libia sulle nostre coste.



Lascia un commento