SINDACO BECCA SUORE CON BUS CARICO DI PROFUGHI: LI CACCIA VIA

Condividi!

QUINTO DI TREVISO – Non si ferma l’invasione in Veneto e nelle altre regioni d’Italia. I fancazzisti arrivano sempre più spesso di notte, col favore delle tenebre: di nascosto.

Ed è stato nella notte tra venerdì e sabato che un minibus carico di cosiddetti profughi è arrivato davanti ai cancelli della Domus Nostra a Quinto di Treviso. Una struttura d’accoglienza privata gestita dalle suore (!) che sta già ospitando undici fancazzisti africani al suo interno.

Poco dopo l’una di notte, proprio mentre l’autista del pulmino stava cercando di far scendere i suoi passeggeri verso l’ingresso del ‘convento’, sono piombati – avvisati dai cittadini il sindaco del paese- il leghista Mauro Dal Zilio, in compagnia di Fulvio Pettenà, storico ex presidente del consiglio della Provincia di Treviso.

I due hanno chiesto delucidazioni all’autista del mezzo che si è giustificato dicendo di aver avuto ordine dal questore di lasciare i profughi davanti al centro di accoglienza di Quinto. Il rifiuto del primo cittadino è stato categorico e così il conducente del mezzo, dopo un acceso e violento diverbio, è risalito sul pulmino, ha messo in moto ed è ripartito alla volta di un centro di accoglienza a Fontanelle. Dove non c’erano sindaci.




Lascia un commento