10 leggende metropolitane sugli immigrati che sono vere



Dire una menzogna più volte la rende vera. Soprattutto se hai tutti i media di distrazione di massa al tuo servizio. O forse sarebbe più corretto dire al servizio dello stesso padrone.

E’ il caso degli ex Medici Senza Frontiere, oggi meglio conosciuti come Scafisti Senza Frontiere, visto che stanchi delle vacanze adventure al seguito dei caschi blu dell’Onu, si sono dati al traghettamento di giovani maschi africani e asiatici in Europa. Insomma, hanno deciso di portarsi il lavoro a casa: amano così tanto il caos africano e islamico, da volerlo qui da noi, così non dovranno più fare quei noiosi viaggi, il caos sarà qui.

L’ultimo ‘sforzo’ di MSF, tra il puerile e il demenziale – oltre che criminale, perché chi ci crede può incorrere in spiacevoli conseguenze – è “L’antislogan”: col quale vorrebbero sfatare “10 leggende razziste sugli immigrati”, e che in realtà è una becera raccolta di luoghi comuni privi di riscontri scientifici che conferma se non la malafede, almeno l’inconsistenza intellettuale di chi l’ha scritta.

Il Primato Nazionale ha un ottimo articolo che ridicolizza punto per punto le “10 false verità” diffuse da MSF e che vi invitiamo a leggere:

Dieci “falsità sui migranti” che invece sono tutte vere

Il poco originale tentativo è un po’, in grande – perché subito diffuso senza alcun esame critico da tutti i media di distrazione di massa – quello che fanno i cosiddetti e autoproclamtisi “siti anti-bufala”: spacciare le loro bufale per verità fingendo di smentire le verità diffuse da altri. Un cervellotico doppio gioco.

Comunque. Che chi traghetta ogni giorno migliaia di africani in Italia, finanziato da note multinazionali che non vedono l’ora di sfruttarne il lavoro low-cost, si permetta di fare la lezioncina e dire cosa è vero o meno sull’immigrazione, è come se Riina venisse nominato procuratore antimafia.

Vox nei prossimi giorni smonterà, una ad una, le bufale di MSF con molto piacere.



Lascia un commento