Yahoo! ammette furto di dati: 500 milioni utenti colpiti



Le informazioni possono includere nomi, e-mail, numeri di telefono, hash delle password e anche le domande di sicurezza utilizzate per recuperare le password.

Tutti gli utenti potenzialmente interessati saranno avvisati via e-mail, e dovrebbero prontamente modificare le password e utilizzare metodi di verifica alternativi. Peccato che il ‘furto’ risalga alla fine del 2014.

La società, l’unica guidata da una donna nel settore tecnologico, ha descritto l’hacker come un “attore sponsorizzato da uno Stato”.

Si tratta di una delle più grandi in assoluto violazioni di sicurezza informatica.

Un hacker conosciuto come “PEACE” sta vendendo i dati attraverso pagamenti in Bitcoin nel deep web.



Lascia un commento