Forteto: il gulag omosessuale e i suoi ispiratori



Nei giorni della riduzione delle pene dei suoi ideatori, un interessante articolo:

Quelli che da bambini la sera andavano alla Scuola di Barbiana… e poi cresciuti, la notte andavano a letto… coi bambini. Dopo aver messo su una comunità “ispirata alla scuola”, dicevano, del loro maestro don Milani. Scuola particolare assai: di stupri, pedofilia, omosessualità, addirittura zoofilia. Continuati per decenni. Sempre bandiera rossa in mano e “contestazione cattolica” in bocca. Ed è così che il Forteto era diventato l’oratorio dei cattocomunisti, delle giunte rosse, delle Coop, dei finanziamenti a palate, di Zanotelli con le sue carovane di paci-finti, degli arcobalenisti, dei guru del progressismo “cattolico”. I due capi, allievi di don Milani, Goffredi e Fiesoli, che si riveleranno i due abominevoli mostri, erano gli stessi che davano dell’”ipocrita” alla Chiesa cattolica e del “troglodita” al suo Magistero morale. E ora abbiamo capito anche perché…

Forteto, il gulag omosessuale cattocomunista. Orrore dietro le icone buoniste dei progressisti



Lascia un commento