Non ci sono medici: in compenso ci sono immigrati con la Tubercolosi!



Condividi!

Non ci sono medici nel reparto di Malattie infettive. In compenso ci sono immigrati con la Tubercolosi!

Scrive il giornale di Gela, Sicilia:

Stamattina i sei pazienti ricoverati, due dei quali affetti da tubercolosi, non hanno potuto contare della presenza dei sanitari.

L’unico dei tre incaricati, ancora in servizio attivo, è stato costretto ad assentarsi. Il responsabile dell’unità di Malattie infettive è in ferie prolungate e prossimo alla pensione. Un altro ha accettato il trasferimento a Messina. Con un solo medico è utopistico pensare di garantire tutti i turni lavorativi.

Oggi è stato Luciano Fiorella, direttore dell’ospedale “Vittorio Emanuele” ad indossare il camice bianco e sopperire ad una richiesta di consulenza. Era corso ai ripari anche per la Medicina e la Farmacia.

La drammatica situazione legata alla carenza di medici sembra essere passata inosservata anche agli inconsapevoli diecimila che ieri si sono riversati in ospedale a sostegno della raccolta firme per sollecitare la Regione ad attivare la Brest-Unit. Ieri, al corteo dei manifestanti si era aggiunto anche Carmelo Iacono, direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale, senza per questo accennare alcuna emergenza in Malattie infettive. Un silenzio condiviso dal manager dell’Asp con i rappresentanti sindacali comparto sanità e i volontari delle associazioni che operano tra le corsie dell’ospedale.

Intanto, nel reparto di Malattie infettive i pazienti ricoverati non possono fare altro che attendere l’arrivo di un medico.



Lascia un commento