TTIP: Governo Renzi tratta in segreto lo scioglimento della Nazione

Condividi!

Del TTIP non sentite parlare spesso, è un argomento ostico e – volutamente, per tenerlo lontano dalla comprensione delle masse – complesso.

tisa.jpg

 

Vox ne ha parlato diverse volte: TRE MOTIVI PER DIRE NO A TTIP E TISA: IMMIGRATI, SOVRANITA’ E UE

E’ una delle pietre angolari della Globalizzazione. Un acceleratore della globalizzazione e della Grande Invasione verso il governo globale.

Il nuovo ministro dello Sviluppo italiano, Calenda, ha detto l’altro giorno all’Espresso che: “Il Ttip al nostro export farà benissimo. Beneficierà le nostre aziende e non metterà in pericolo la salute dei consumatori“.

Il ministro dello Sviluppo economico “smentisce i rischi messi a fuoco dagli oppositori del Ttip. E difende la necessità di segretezza delle trattative. Pur sottolineando il suo impegno nel coinvolgere tutti gli interessati”.

Che cortese, Calenda. Si ‘impegna’ a ‘coinvolgere gli interessati’. Che poi sarebbero i cittadini. E il loro ‘coinvolgimento’, non dovrebbe essere una graziosa concessione di un ministro fantoccio, ma il normale svolgersi della democrazia.

Questi stanno discutendo in segreto un trattato che – de facto, perché leggi le postille di questo trattato transnazionale varranno più delle leggi votate di cittadini italiani – scioglie gli Stati nazionali in agglomerati economici. Dopo la firma, conterà di più la multinazionale di turno di uno Stato sovrano. I cittadini, che sono diventati liberi – non scordiamolo mai – solo dopo la nascita degli Stati nazione, sarebbero totalmente abbandonati in balia delle corporazioni finanziarie: le stesse che finanziano i Calenda.

Non esiste democrazia senza nazione. Gli Imperi non hanno cittadini, hanno sudditi.

E non crediate che la Grande Invasione stia, casualmente, avvenendo in contemporanea con le trattative per il TTIP: meno una nazione è omogenea, più è facile ‘scioglierla’.

 

 




Un pensiero su “TTIP: Governo Renzi tratta in segreto lo scioglimento della Nazione”

  1. Caro Calenda… io sono nato, cresciuto e pasciuto in Italia, perche’ vuoi per forza propinarmi carne polacca o francese, frutta africana? io voglio mangiare a km 0! certo, un vezzo straniero ogni tanto fa’ bene e rompe la monotonia, ma prima utilizziamo i nostri prodotti.

Lascia un commento