Marocchino esulta a scuola per stragi Bruxelles: è figlio terrorista

Condividi!

Dice ai compagni di classe di essere contento per la strage islamica di Bruxelles e, uscendo in corridoio, ha arrotolato un quaderno simulando di sparare colpi di mitra. Un recidivo, perché già ai tempi degli attentati del 13 novembre a Parigi aveva manifestato idee di questo tipo, ricevendo un ‘richiamo verbale’ dai professori.

Questa volta, lo studente marocchino di seconda generazione (Ius Soli subito!) è stato sospeso dall’istituto, una scuola media di Cremona. Sui fatti indagherà anche la Digos, in quanto il ragazzo risulta figlio di uno degli indagati in un’inchiesta del 2002 sul terrorismo di matrice islamica a Cremona.

I figli dei terroristi a scuola. Questo si, che è arricchimento culturale. Ma il problema non sono i pochi ‘onesti’ che dicono quello che pensano, sono le migliaia che in silenzio godono, e si preparano a sgozzare il compagno di banco italiano.




Un pensiero su “Marocchino esulta a scuola per stragi Bruxelles: è figlio terrorista”

Lascia un commento