Pediatri lanciano allarme: “Gender danneggia i bambini”

Condividi!

Il “genderismo” è pericoloso per i bambini, è abuso sui minori, e deve essere fermato, lo scrivono i pediatri americani.

L’ACP, che è l’organizzazione ufficiale americana dei pediatri, ha invitato tutti gli educatori e legislatori a respingere definitivamente la follia “transgender” una volta per tutte.

In un articolo positon pubblicato sul sito di ACP, dal titolo “L’ideologia di genere danneggia i bambini,” l’organizzazione “sollecita educatori e legislatori a respingere tutte le politiche che condizionano i bambini ad accettare come normale la cosiddetta trasformazione sessuale. I fatti, non l’ideologia, determinano la realtà. ”

Il documento, firmato dal presidente ACP, Michelle A. Cretella, MD; dal Vice Presidente Quentin Van Meter, MD; e dal noto professore universitario in Psichiatria presso la Johns Hopkins Medical School, e dall’ex psichiatra capo al Johns Hopkins Hospital, Paul McHugh, MD, prosegue elencando in otto punti perché la promozione del “transgenderismo” è un pericolo. Facendo importante chiarezza e differenziando patologia da ideologia.

  • “Gli estremamente rari disturbi della differenziazione sessuale (DSD), incluso ma non limitato alla femminilizzazione testicolare e iperplasia surrenalica congenita, sono tutte deviazioni medicalmente identificabili dalla norma binaria sessuale, e sono giustamente riconosciuti come disturbi del disegno umano. Gli individui con DSD non costituiscono un terzo sesso. “
  • “La consapevolezza di se stessi come maschio o femmina si sviluppa nel tempo e, come tutti i processi di sviluppo, può essere danneggiata da esperienze negative dalla prima infanzia in avanti. Le persone che si identificano come ‘sensazione nel sesso opposto’ o ‘una via di mezzo’ non comprendono un terzo sesso.Rimangono uomini o donne biologicamente. “
  • “L’individuo che crede di essere altra cosa da quella che è oggettivamente, nella migliore delle ipotesi ha problemi di confusione sessuale. Quando un ragazzo biologico altrimenti sano crede di essere una ragazza o un altrimenti sana ragazza biologica crede di essere un ragazzo, ha un problema psicologico oggettivo che sta nella mente, non nel corpo, e dovrebbe essere trattato come tale. Curato come tale.
  • “Questi bambini soffrono di disforia di genere. Disforia di genere (GD), precedentemente indicato come Disturbo dell’Identità di Genere (DIG), è un disturbo mentale riconosciuto nella più recente edizione del Manuale Diagnostico e Statistico della American Psychiatric Association (DSM-V). Le teorie dell’apprendimento psicodinamiche e sociali della GD / GID non sono mai state smentite. “
  • “La pubertà non è una malattia e gli ormoni che bloccano la pubertà possono essere pericolosi. Reversibile o no, gli ormoni della pubertà-bloccanti inducono uno stato di malattia – l’assenza di pubertà – e inibiscono la crescita e la fertilità in un bambino in precedenza biologicamente sano “.
  • “Definire una patologia mentale come ‘scelta sessuale’  tramite l’istruzione pubblica e le politiche di legge confonderà ulteriormente bambini e genitori, portando a più bambini con presunti ‘disturbi di genere’  a cui saranno somministrati farmaci pubertà-bloccanti. Questo, a sua volta, praticamente garantisce che essi ‘sceglieranno’ una vita di assunzione di ormoni sessuali cancerogeni e tossici e, probabilmente, arriveranno a praticare l’inutile mutilazione chirurgica delle loro parti sessuali”.

In sintesi, si confonde una vera patologia fisica e oggettiva – pochissimi individui che nascono sessualmente indefiniti (fisicamente!) e quindi necessitano un approccio particolare – con una patologia, quella di chi si ‘sente’ donna o uomo pur essendo fisicamente l’opposto, che è meramente una patologia psichica da curare in modo appropriato, e non da assecondare.

Ma l’ideologia non fa sconti, e crea infelici che arrivano ad assumere ormoni ed amputarsi sessualmente, credendo di risolvere, in questo modo, un problema che è invece di percezione psichica. Non lo risolvono, come dimostrano le statistiche dei suicidi in persone trans post-operate.

VERIFICA LA NOTIZIA
VERIFICA LA NOTIZIA



Lascia un commento