Regione Toscana dietro libro celebrativo della comunità Il Forteto, dove si stupravano i bambini



Torniamo a parlare del Forteto, la ‘coop’ dove si stupravano i bambini, con la protezione delle istituzioni toscane. Protezioni politiche, giudiziarie e mediatiche. (LEGGI DOSSIER FORTETO)

E un altro tassello in questa incestuosa complicità tra Pd e Forteto è stato messo in questi giorni. Perché non ostante le condanne, il sistema di potere che sgoverna la Toscana ha fatto affari, protetto e promosso quello che è stato definito – e che era – un vero e proprio lager per bambini. Un lager gay. Dove si promuoveva, in anticipo rispetto alla Cirinnà, l’omosessualità come nuova normalità.

Il vicepresidente della commissione bis sul Forteto, il consigliere Giovanni Donzelli: “Il Cesvot, accreditato dalla Regione Toscana come agenzia formativa, ha pubblicato un quaderno sul Forteto dal titolo ‘La tutela dei minori: esperienza e ricerca’, affidandone la scrittura nientemeno che a Luigi Goffredi, fra i fedelissimi di Fiesoli, condannato a otto anni al recente processo che si è svolto a Firenze e che all’epoca era già pregiudicato essendo nel 1985 già stato condannato in via definitiva per violenze insieme a Rodolfo Fiesoli”.

Donzelli ha scritto al Presidente della Commissione d’inchiesta sulla vicenda Forteto Paolo Bambagioni per chiedere che vengano ascoltati in audizione Federico Gelli, attuale presidente, Patrizio Petrucci (in carica dal 2006 al 2013) e Luciano Franchi (primo presidente dal 1997).

“Nel volume, pubblicato nel 2006, oltre a raccontare la storia della cooperativa ‘Il Forteto’, si loda l’esperienza della comunità nell’affidamento dei minori – sottolinea Donzelli – un fatto raccapricciante alla luce degli abusi accertati dalla recente sentenza del tribunale di Firenze e che oggi impone chiarimenti visti i precedenti penali di Goffredi. Si tratta di un elemento da non sottovalutare, vista la potenza rappresentata dalla rete che sostiene il Cesvot, formata da tutto il mondo dell’associazionismo toscano dalle Acli all’Arci, dall’Anpas alle Misericordie, passando per Aido, Auser, Avis, Avo e Fratres. Il Cesvot, inoltre, risulta anche finanziatore di altre pubblicazioni sul Forteto; la pubblicazione ‘La tutela dei minori: esperienza e ricerca’, è curata da Nicola Casanova, ricercatore dell’Università di Firenze e già collaboratore di alcuni saggi sulla comunità mugellana editi dal Mulino. Proprio l’Università di Firenze ha organizzato alcuni convegni sul Forteto, ed ha ospitato esponenti di spicco della comunità – conclude Donzelli – per questo abbiamo già richiesto che si presentino in audizione l’ex rettore Augusto Marinelli e l’attuale Alberto Tesi”.

La Mafia aveva un suo codice d’onore, non toccavano i bambini. Il PD…

E con il Cesvot abbiamo appena cominciato. A proposito, guardate cosa promuove sul suo sito, questa ‘associazione’ che ha edito un libro celebrativo di una comunità dove si praticava lo stupro gay sui bambini:

cesvotgender

Un evento dove si ridicolizza chi denuncia il ‘Gender’. Che poi è la stessa teoria per decenni promossa dal Forteto e ora ‘sdoganata’. Perché il Forteto è un antesignano della legge in discussione al Senato.



Lascia un commento