Giornale Vescovi: Stupri Colonia colpa delle donne

Condividi!

“Per rigenerare l’Europa serve l’incontro con il Sud del mondo”. E’ la delirante affermazione del direttore della Fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego, intervenuto alla trasmissione “A Sua Immagine” su Rai Uno, in occasione dell’odierno Giubileo dei Kabobo. In pratica un via libera agli stupri etnici.

“L’Europa – ha detto – senza migranti muore. Nei prossimi 5 anni avremo il 30 per cento in meno di giovani, e solo in Italia abbiamo avuto l’anno scorso un saldo negativo tra morti e nascite di 168 mila persone, un dato che ci riporta alla Prima Guerra Mondiale”. Numeri inesistenti di un uomo confuso, come non avessimo giovani disoccupati.

“Ci sono forti distorsioni nell’informazione su questi temi, a causa di interessi politici”, ha denunciato da parte sua il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Infatti lui non ha ‘interessi politici’, oltre ai milioni di euro ottenuti con le sovvenzioni all’editoria per pubblicare un giornale che diffonde bufale a raffica.

Tarquinio ha anche sottolineato che le aggressioni alle donne attribuite a rifugiati della Siria e del Nord Africa in Germania “non sono espressioni della cultura islamica quanto piuttosto di un incontro con una cultura come quella occidentale che mercifica e strumentalizza troppo spesso il corpo delle donne“. Insomma, le vedono senza burqa, e volete che non le stuprino?

Questi sono un mix tra fanatici dell’accoglienza e bigotti da ‘800. Secondo loro, la colpa è delle donne che girano non abbastanza vestite…provocando i giovani migranti.

Paghiamo il Canone per marchette deliranti come questa, con la quale si sparano numeri a caso, e si trattano gli uomini come fossero numeri intercambiabili, come se milioni di europei o africani fossero la stessa cosa. Se contasse il numero, l’Africa sarebbe un continente ricchissimo. In realtà, conta la ‘qualità’, e se inserisci africani dal QI medio di 70 in un continente dove il QI medio è 100, lo trasformi in un inferno. In una nuova Africa.

Per rispondere a Perego, amico del vescovo fanatico dell’accoglienza invischiato nell’affaire da milioni di euro, possiamo fare un esempio: forse la madre che perde un figlio si consola sostituendolo con uno adottato? La sua folle idea di sostituire i giovani mancanti con africani, oltre ad essere un stupidaggine economica, è anche moralmente riprovevole.




Un pensiero su “Giornale Vescovi: Stupri Colonia colpa delle donne”

Lascia un commento