Profughi: “Stanza senza tv e frigobar, se è così torno in Siria”

Vi dicono che i ‘profughi’ sono in fuga dalla guerra e dalla disperazione o, come ha detto oggi il paziente di Fukushima, arrivano ignudi e affamati.

Qui, abbiamo dei cosiddetti profughi intervistati falla televisione olandese (TRADUZIONE SOTTO VIDEO):

E’ una sequela di lamentele degna di TripAdvisor.

La traduzione:

PROFUGA: – Questa non è vita, nella camera non c’è il tv, il letto è singolo e non c’è nemmeno il frigobar.

PROFUGA & PROFUGO: – Non possiamo chiudere a chiave, non c’è privacy!

SECONDO PROFUGO: – Ci avevano promesso che la nostra vita sarebbe migliorata, invece è uguale a prima.

PROFUGO: – Dobbiamo cavarcela con 12 euro di paghetta la settimana.

PROFUGA: – Non vogliamo stare in questa camera, la situazione è insostenibile.

SECONDO PROFUGO: – L’arredamento è base, il cibo non è buono. Non va bene.

PROFUGA: – A questo punto, se le cose non cambiano è meglio tornare nel nostro paese.

Ma non fuggivano dalla guerra? Non arrivavano da situazioni disperate? Invece, ci dice profugo secondo, che non stanno meglio in un hotel con arredamento base, rispetto a casa loro. E l’altra ci informa che se non otterrà frigobar e tv torna a casa sua.

I media di distrazione di massa ci prendono per il culo.


Lascia un commento