Agenti mandati a coccolare ‘profughi’: città in balia del crimine

Polizia e Carabinieri sono impegnati a Pozzallo per l´emergenza immigrazione, i vigili urbani non ci sono e i commercianti si rivolgono ad un istituto di vigilanza privata. E´la decisione che si apprestano a prendere i titolari degli esercizi commerciali che affacciano soprattutto su piazza Matteotti e sulla parte più frequentata nel corso della movida notturna del corso Umberto. Il furto con sfondamento, “made in Catania”, della vetrina di “Uomo Club” ha indotto a ricorrere a misure drastiche senza attendere che il sistema di videosorveglianza sia attivato, che si riunisca il comitato per l´ordine e la sicurezza pubblica, che il sindaco rassicuri. L´istituto di vigilanza privata assicurerà due pattuglie che dovranno intervenire in caso di bisogna. “E´ la soluzione più democratica e più corretta – dice il titolare di un bar di piazza Matteotti- “Qui dopo mezzanotte succede di tutto, c´è gente che spacca bottiglie e va in giro minacciando i passanti, c´è ch schiamazza, chi pretende di bere senza pagare. Ci costerà ma staremo più tranquilli”.

Incredibile. Leggete tutta la storia QUI.


Lascia un commento